Telemarketing, la legge beffa per gli utenti: impossibile cancellare i consensi

di Andrea Bassi

0
  • 44
Sulle telefonate selvagge fatte dai call center per vendere i più svariati servizi, da quelli telefonici alla tv satellitare, il giro di vite rischia di essere annacquato. Per capire, però, serve prima riavvolgere un attimo il nastro e tornare alle polemiche della scorsa primavera tra Matteo Renzi e il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, su una norma inserita nel disegno di legge sulla concorrenza che, secondo il garante della privacy Antonello Soro, permetteva alle società di disturbare anche chi si era iscritto al registro delle opposizioni, il data base nel quale chi inserisce il proprio recapito non può essere chiamato dai call center. Dopo qualche rimpallo di responsabilità, fu deciso di rinviare la soluzione del problema delle chiamate selvagge, ad un altro disegno di legge, quello sulla riforma proprio del registro delle opposizioni, firmato dal senatore Raffaele Ranucci. Il testo fu approvato al Senato. Quello che ne uscì fu un provvedimento decisamente garantista per gli utenti. I punti cardine erano, e sono, questi: al registro delle opposizioni possono iscriversi non solo i numeri telefonici «fissi», ma anche i cellulari, fino ad oggi esclusi. Del resto è sulle utenze mobili che arriva la maggior parte delle chiamate. Tutti gli operatori avrebbero dovuto utilizzare un prefisso unico, come avviene per esempio con la numerazione 800 dei numeri verdi commerciali. In questo modo chi riceve la chiamata, vedendo il prefisso, può decidere di non rispondere. Ma il punto principale era un altro. Il testo uscito dal Senato prevedeva una sorta di «reset», di azzeramento per tutti i consensi firmati nel tempo con gli operatori telefonici, elettrici, bancari, televisivi. L'idea, insomma, era che tutti ripartissero da zero. Il provvedimento, poi, è passato alla Camera, dove nei giorni scorsi è stato approvato in Commissione. Ora il provvedimento andrà in aula con la richiesta di un esame «in legislativa», ossia una corsia superveloce che blindi il testo. Che, intanto, è stato modificato.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 26 Novembre 2017, 11:51 - Ultimo aggiornamento: 26-11-2017 15:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP