Reddito di cittadinanza: aspettando i navigator, mancano 4.000 formatori

di Francesco Pacifico

Non bastavano i meme irridenti che da oltre 24 ore girano in rete: quello rilanciato da Giorgio Meloni con Paolo Panelli che sbraita contro Enrico Montesano e Ninetto Davoli con un romanesco «dovete anna' a lavorà», oppure le locandine di The Flight of Navigator», il classico della fantascienza del 1986. Anche Cinquestelle e Lega si sono messi a battibeccare sulla figura del navigator, il tutor da inserire nei centri per l'impiego per seguire disoccupati e inoccupati sotto reddito di cittadinanza: litigano se usare il termine inglese o la traduzione italiana.

Il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, è anglofilo e a Porta a Porta fa sapere che «anche l'Italia avrà i suoi navigator, che è una figura che esiste in tutta Europa». Il suo sottosegretario, il leghista Claudio Durigon, invece, ci ha tenuto a far sapere: «Io comunque preferisco navigatore all'italiana». Ma al di là delle differenze linguistiche, la sostanza è simile: «Sono delle persone - spiegano Di Maio e Durigon - che aiuteranno ad entrare nel mercato del lavoro o rientrare nel mercato del lavoro le persone che sono disagiate. Fanno parte del programma di assunzioni che faremo. Li selezioniamo con un colloquio per trovare altre persone con alto profilo per seguire i giovani che hanno perso il lavoro».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 6 Dicembre 2018, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-12-07 14:45:39
Chiamiamolo Tom Tom
2018-12-06 19:04:09
Formiamo i formatori
2018-12-06 14:11:59
sostituiteli con i GPS!!!!!!!!

QUICKMAP