Perugina, «soluzione Ikea»
per gli esuberi: 30mila euro
a chi riassume gli operai

La protesta degli operai davanti ai cancelli della Perugina
di Federico Fabrizi

0
  • 115
PERUGIA - Sessantamila euro per i dipendenti che lasciano la fabbrica e un bonus di 30mila a chi riassume gli operai messi alla porta dalla Perugina. Soluzioni alla portata, almeno un paio: Decathlon a Olmo e Ikea a Collestrada. Per il polo dello sport i lavori sono già iniziati, quanto all’approdo della multinazionale svedese manca l’ultimo timbro che sancisca il via libera. Si discuterà nel merito anche di ipotesi di questo genere nei prossimi incontri tra i manager Nestlé e i sindacati. Intanto prosegue, all’interno della fabbrica di San Sisto, la fase dei colloqui degli operai con la società incaricata di valutare posizioni e possibilità dei singoli. L’alternativa all’uscita è il trasferimento in altri stabilimenti della multinazionale svizzera. Il passaggio successivo saranno corsi di formazione per riqualificare alcuni addetti. Concluse le assemblee in fabbrica, ieri mattina le rsu hanno scelto di mantenere lo stato di agitazione, il blocco degli straordinari e delle flessibilità. I rappresentanti sindacali hanno anche deciso di organizzare «una grande manifestazione che partendo dalla Perugina, abbracci tutte le realtà produttive, rimettendo al centro il tema del lavoro e dell’occupazione. La politica e le istituzioni devono farsi garanti delle persone che rappresentano, anche attraverso tutele legislative atte a frenare i casi in cui il cambio di un manager rischia di mettere in pericolo il futuro lavorativo di oltre 350 famiglie». Non solo, la rsu ha pure chiesto ufficialmente un nuovo incontro al cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana: «Più volte ha mostrato sensibilità su queste tematiche».
La manifestazione che dovrà coinvolgere l’intera città è stata messa in calendario per sabato 7 ottobre. Prima, a strettissimo giro di posta, arriverà anche un altro faccia a faccia tra azienda e sindacati: appuntamento il prossimo martedì 3 ottobre, alle 11, nella sede di Confindustria a Perugia. La proposta iniziale di alcuni sindacati era di fissare l’incontro lunedì 9 ottobre, cioè due giorni dopo la manifestazione, poi però ha prevalso la necessità di stringere i tempi, come è stato richiesto in questi giorni anche dal ministero dello Sviluppo economico.
Sabato 30 Settembre 2017, 21:01 - Ultimo aggiornamento: 30-09-2017 23:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP