Fs, prende quota la pista interna per il vertice: stop alla fusione con l'Anas

ARTICOLI CORRELATI
di Andrea Bassi

Il caso delle Ferrovie arriverà sul tavolo del consiglio dei ministri di oggi. Ieri membri del board del gruppo pubblico non avevano ancora ricevuto la lettera del ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli e di quello dell'Economia, Giovanni Tria, con la quale il governo ha deciso di applicare, per la prima volta nella storia delle società partecipate, una norma prevista dalla legge Frattini del 2004, che consente di revocare le nomine fatte dal precedente governo nei sei mesi precedenti alle elezioni. Proprio perché la legge Frattini non è mai stata usata, il governo prima di spedire le lettere ai consiglieri di Ferrovie, avrebbe deciso di avere la copertura politica del consiglio dei ministri. Lo scontro politico intanto non si placa. Anzi. Ieri l'amministratore delegato uscente delle Fs, Renato Mazzoncini, ha mandato un messaggio whatsapp ai suoi collaboratori.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 27 Luglio 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 27-07-2018 14:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP