Addio ad Aldo Grimaldi, il decano degli armatori napoletani è morto a 96 anni

di Cristina Cennamo

  • 909
Il mondo dello shipping nazionale e internazionale piange oggi la fine del decano degli armatori italiani: poche ore fa, nella sua casa di corso Italia a Genova, si è spento infatti all'età di 96 anni Aldo Grimaldi,  fratello del padre dell'attuale Ad del gruppo di famiglia Manuel. 

Classe 1922, l'armatore era nato a Solofra, in provincia di Avellino, ed era il nipote dell'armatore Achille Lauro. Capitano di lungo corso e laureato in scienze economiche e marittime a Napoli, durante la seconda guerra mondiale prestò servizio come guardiamarina per poi iniziare, tornata la pace, l'attività armatoriale.

Lo fece insieme ai fratelli, Luigi, Ugo, Mario e Guido, con cui fondò appunto la Fratelli Grimaldi Armatori, prima con navi da carico e poi anche passeggeri.

Iniziò così la storia tutta in ascesa di quello che sarebbe poi diventato l'attuale Gruppo Grimaldi, una delle realtà più importanti ed apprezzate del settore. 

All'interno della compagnia si occupava anche di disegnare, progettare e gestire le navi della flotta: sue le idee per gli adattamenti alle navi Liberty, le unità da crociera Caribia, Irpinia e Ascania nonché i primi traghetti (le frecce degli anni Settanta), le navi-garage e le multifunzione Repubbliche, realizzate negli anni Ottanta.

Oltre ad essere stato presidente di Grimaldi Holding, consigliere di amministrazione della SIAT (oggi gruppo Unipol) e presidente del Consorzio Grimaldi Group, specializzato in terminal portuali, tra il 1995 ed il 1997 Aldo Grimaldi è stato anche presidente di Confitarma: sotto la sua guida prenderà forma il Registro internazionale, poi ratificato dal suo successore Paolo Clerici, che ha permesso in due anni di raddoppiare il tonnellaggio della flotta nazionale da 8 a 15 milioni, e vedrà la luce il Libro verde sul cabotaggio di linea, che fornì una quantificazione sistematica dei costi esterni della navigazione commerciale.

I funerali si svolgeranno lunedì alle 11.30 nella chiesa Sant'Antonio di Boccadasse.
Venerdì 7 Dicembre 2018, 16:58 - Ultimo aggiornamento: 07-12-2018 19:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP