Marchionne morto, funerali in forma privata. Fca rimbalza in Borsa dopo il crollo

Marchionne morto, funerali in forma privata. Fca rimbalza in Borsa dopo il crollo
Fca in rialzo in Borsa dopo il tonfo di mercoledì, giorno della morte di Sergio Marchionne. Oggi i titoli della casa automobilistica, scivolati ieri del 15%, rimbalzano del 3,5% a 14,48 euro. In testa al listino Cnh (+10,63% a 9,93 euro dopo i conti del trimestre). Buon passo anche per la holding della famiglia Agnelli, Exor (+3,88% a 55,74%), e per Ferrari (+2,50% a 114,7 euro). Ieri era stato il giorno del debutto davanti agli investitori del sostituto di Marchionne, Mike Manley, che ha presentato i conti del trimestre annunciando un crollo dell'utile netto del gruppo a 754 milioni (-35%), e obiettivi 2018 rivisti al ribasso.

LEGGI ANCHE Come è morto Marchionne, fatali due arresti cardiaci

 


Trump. «Sergio Marchionne è stato uno dei manager più brillanti e di successo dai giorni del leggendario Henry Ford». Questo l'omaggio che il presidente statunitense Donald Trump ha rivolto all'amministratore delegato di Fca. «È stato un onore per me aver potuto conoscere Sergio come presidente degli Stati Uniti», il commento.

 
La morte. «È accaduto, purtroppo, quello che temevamo. Sergio, l'uomo e l'amico, se n'è andato», ha annunciato mercoledì mattina il presidente John Elkann. Accanto a Marchionne, ricoverato da fine giugno nell'Ospedale Universitario di Zurigo, la compagna Manuela Battezzato e i figli Alessio e Tyler, che in queste settimane sono sempre rimasti al suo fianco. L'ultimo saluto a Marchionne sarà in forma strettamente privata. Il manager verrà ricordato dalle aziende del gruppo a settembre in due distinti momenti, con due cerimonie, una a Torino e una ad Auburn Hills, negli Stati Uniti.

La morte del manager è avvenuta per attacco cardiaco, nella clinica di Zurigo dove, come ha raccontato Fca nei comunicati ufficiali, era stato sottoposto a un intervento alla spalla destra. Complicazioni «inattese» hanno portato a un arresto cardiaco. Portato in rianimazione, non era attaccato alle macchine in modo sistematico. Lì ha avuto un nuovo attacco cardiaco che lo ha portato a morte naturale.



 
Giovedì 26 Luglio 2018, 09:11 - Ultimo aggiornamento: 26-07-2018 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP