Italia-Francia, muro contro muro su Fincantieri. Il pessimismo di Gentiloni: «Solo melina»

ARTICOLI CORRELATI
di Marco Conti

3
  • 15
Molte parole di circostanza. Qua e là anche qualche presa di distanza da un atto, la «prelazione (nazionalizzazione ndr)», che ha riconosciuto essere stato «troppo radicale». Infine la ribadita intenzione di voler costruire «insieme all'Italia» un polo importante della cantieristica militare. Oltre il ministro dell'Economia Bruno Le Maire ieri non è andato e forse non poteva andare. L'incontro a tre di ieri pomeriggio tra il ministro francese e i colleghi italiani Pier Carlo Padoan e Carlo Calenda, è iniziato con qualche freddo nei confronti dell'ospite francese, e si è concluso dopo nemmeno mezz'ora con un prevedibile e previsto nulla di fatto. «Non mi attendevo nulla di più», ha infatti sostenuto al termine della riunione il ministro dello Sviluppo Economico Calenda.
 

Continua a leggere sul Mattino Digital
Mercoledì 2 Agosto 2017, 08:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-08-02 19:53:31
Tutta questa storia mette in risalto 1) il livello di rispetto che gli altri paesi nutrono per il nostro, ovvero in netto declino; 2) i valori dell'europa unita ben lontana da quello che ha ispirato i fondatori.
2017-08-02 18:24:11
quello che mi sconvolge è come i francesi si sono fidati degl'itagliani noti per incapacità imprenditoriale e soprattutto tangentari!!!!!
2017-08-02 16:03:42
praticamente, siamo a totò e fabrizi in "guardie e ladri". fabrizi (gentiloni): "e io sparo in aria a scopo intimidatorio".Macron (totò): "embè? io non mi intimido!".

QUICKMAP