Fca, la produzione 2018 è in calo
e Pomigliano segna meno 10%

Dopo i dati record del 2017, nel 2018 la produzione negli stabilimenti di Fca in Italia è calata del 6,8% a 964.533 vetture e del 10,2% se si considerano solo le auto, senza i veicoli commerciali. Lo fa sapere la Federazione Italiana Metalmeccanici, sottolineando che è il primo calo produttivo dopo cinque anni di crescita e la prima volta sotto la soglia del milione dopo due anni. «Si segnala un'inversione di tendenza. Il rallentamento dei volumi si è visto in tutti i trimestri, ma nell'ultima parte dell'anno c'è stato un ulteriore peggioramento, anche a causa dello stop di produzione di Mito e Punto», ha detto il segretario nazionale della Fim-Cisl Ferdinando Uliano, spiegando che «la situazione ha impattato anche sull'uso degli ammortizzatori sociali, che si è amplificato nell'ultima parte dell'anno. Anche in questo caso si ha un'inversione di tendenza, anche a causa del rinvio degli investimenti previsti dal precedente piano industriale».

In particolare, a Mirafiori il calo della produzione è stato del 40,3% rispetto al 2017, del 32,4% per Maserati Grugliasco, del 52% per Maserati Modena, del 26,7% per Cassino e del 10,2% per Pomigliano. In controtendenza Melfi (più 2,8%) e Sevel-Atessa (più 1,7%, aumento ancora più significativo se si considera che lo stabilimento incide per quasi un terzo sulla produzione totale).
Venerdì 4 Gennaio 2019, 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-04 20:19:16
come al solito la fiat degli agnelli voleva solo fare investimenti se li finanziava il governo, dei 7,2 miliardi erano 5 alla famiglia agnelli 2,2 nuovi macchinari?

QUICKMAP