Riscossioni, addio a Equitalia e sui pignoramenti si cambia: la nuova agenzia avrà accesso ai conti correnti

Il commissario di Equitalia Ernesto Maria Ruffini
di Andrea Bassi

1
  • 1089
Le insegne sono già state smontate e sostituitte dalle nuove targhe. Anche il sito internet ha un nuovo indirizzo, e su tutti i moduli è già stato impresso il nuovo logo. Ancora poche ore ed Equitalia, la società pubblica che fino ad oggi si è occupata della riscossione dei tributi, sarà ufficialmente consegnata al passato. Come previsto dalla legge, le sue funzioni saranno trasferite dal primo luglio senza soluzione di continuità, alla nuova Agenzia delle entrate riscossione, un ente pubblico economico che subentrerà in tutti i rapporti giuridici della vecchia società della riscossione. 

Lo statuto del nuovo ente economico è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Era l'ultimo atto prima dello scioglimento di Equitalia e la creazione della nuova agenzia della riscossione il cui presidente coincide con il direttore dell'Agenzia delle Entrate, un ruolo al quale è stato recentemente nominato Ernesto Maria Ruffini. Dunque a partire da lunedì 3 luglio i contribuenti troveranno il nuovo logo, nuova modulistica, mentre le attività ed i servizi
saranno svolti in continuità con la precedente gestione. Nella pratica, insomma, per i contribuenti cambierà poco. Per adesso l'unica novità rilevante sarà che, invece di ricevere le cartelle da Equitalia le riceveranno dall'Agenzia delle entrate - Riscossione. Rimane anche l'aggio, il balzello abbassato dal primo gennaio di quest'anno al 6% (il 3% se si paga entro trenta giorni). Gli strumenti di riscossione rimarranno sostanzialmente invariati. Anzi, il nuovo ente economico avrà accesso anche all'anagrafe tributaria, la banca dati che contiene i conti correnti di tutti i contribuenti. Circostanza che renderà più semplici ed efficaci i pignoramenti dei conti correnti. 

Cambia anche il portale internet, raggiungibile all'indirizzo www.agenziaentrateriscossione.gov.it, sul quale - viene spiegato - «gli utenti hanno a disposizione un vero e proprio sportello virtuale: entrando nell'area riservata con le credenziali di accesso è possibile controllare la propria situazione debitoria, pagare cartelle e avvisi, chiedere e ottenere una rateizzazione fino a 60 mila euro, sospendere la riscossione nei casi previsti dalla legge, richiedere il servizio di alert SMS - Se Mi Scordo, delegare un intermediario, visualizzare i documenti, anche quelli relativi alla definizione agevolata». Stessi servizi che possono essere utilizzati attraverso la app Equiclick, disponibile su smartphone e tablet.

Con la nascita di Agenzia delle entrate-Riscossione, ha spiegato poi la società arrivano in tutti i 200 sportelli della vecchia Equitalia, i nuovi strumenti digitali salva fila. Grazie ai cosiddetti "codometri intelligenti" sarà possibile comprimere i tempi di attesa, avere un servizio migliore e più diretto e tra poche settimane anche potersi rivolgere
attraverso una app specifica con cui interagire allo sportello più vicino prenotando la visita e la fascia oraria.
Venerdì 30 Giugno 2017, 17:08 - Ultimo aggiornamento: 01-07-2017 21:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-06-30 18:59:10
insomma, alla fine il "bye bye equitalia" cinguettato con aria a metà tra napoleone e robin hood da matteo "se perdo lascio la poltica" in televisione si riduace a: si devono cacciare altri soldi per far stampare la nuova carta intestata. tutto il resto, tale e quale. morale: the show goes on. tradotto: ma davvero uno così dovrebbe essere trattato da politico e non, come dovrebbe essere ovvio, da cabarettista?

QUICKMAP