Dazi, Draghi: «Decisioni unilaterali sono pericolose»

ARTICOLI CORRELATI
«Le decisioni unilaterali sono pericolose». Così il presidente della Bce Mario Draghi in conferenza stampa a Francoforte ha risposto a una domanda sui dazi su alluminio e acciaio annunciati dal presidente Usa Donald Trump, sottolineando che queste «dispute vanno affrontate» entro la cornice «multilaterale» dell'organizzazione mondiale del commercio. Draghi ha dunque messo in guardia contro il rischio di ritorsioni e su quale «sarà la risposta in termini di tassi di cambio». 

Il capo della Bce ha poi dato una risposta generale a una domanda sulla possibilità che dopo le elezioni l'Italia faccia marcia indietro sulla riforma delle pensioni e sul jobs act: «Parlando in termini generali, il bilancio pubblico è di massima importanza nei paesi ad alto debito», ha detto. Del caso specifico «non ne abbiamo discusso oggi», ha comunque precisato.

Quanto accaduto dopo le elezioni in Italia «non suggerisce che i mercati abbiano reagito in un modo che minacci la fiducia», è accaduto «più o meno» quello visto in altri Paesi. Tuttavia «una instabilità protratta nel tempo potrebbe minacciare la fiducia».

«L'euro è irreversibile», ha quindi assicurato circa l'esito del voto in Italia come segnale di un'affermazione di forze antieuropee, proprio quando altri Paesi dell'Unione stanno cercando di rafforzare la governance delle istituzioni europee.

Sul quantitative easing Draghi ha sottolineato che «un notevole stimolo monetario è ancora necessario per sostenere l'inflazione nel medio termine». La decisione del consiglio direttivo della Bce di eliminare la possibilità di aumentare gli acquisti mensili di bond condotti attraverso il quantitative easing «è stata unanime» ed «è essenzialmente una decisione che guarda al passato senza implicazioni sulle aspettative».
Giovedì 8 Marzo 2018, 15:17 - Ultimo aggiornamento: 09-03-2018 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP