Dieci anni fa falliva Lehman Brothers, effetti della crisi non svaniti

Dieci anni fa falliva Lehman Brothers, effetti della crisi non svaniti
0
  • 22
«Un mondo senza guida» che non ha appreso fino in fondo la lezione del 2008, un mondo nel quale sembriamo camminare come sonnambuli verso la prossima crisi: non è per nulla ottimista Gordon Brown, premier britannico successore di Tony Blair, il cui governo venne investito e alla fine travolto dal terremoto finanziario globale innescato dal tracollo di Lehman Brothers, a 10 anni esatti da quei fatti. «Questo è un mondo senza guida e io credo che la prossima crisi stia arrivando e che quando arriverà ci accorgeremo di non avere spazio di manovra fiscale o monetaria né la volontà di reagire», profetizza cupo Brown.

«Ma forse - rincara - la cosa più preoccupante è che non avremo neppure la cooperazione internazionale necessaria» per uscire dall'ipotetico nuovo buco nero finanziario. Di qui l'immagine del sonnambulismo. «Io ho la sensazione che stiamo camminando come sonnambuli verso una nuova crisi», sintetizza l'ex premier ed ex cancelliere dello Scacchiere laburista. Nel 2008, malgrado tutto, si poterono adottare misure di emergenza «coordinate» poiché c'era «fiducia» tra i vari governi e con le autorità di regolazione, ricorda. Mentre ora, insiste, «in mezzo alle discordie sul cambiamento climatico o sugli accordi nucleari, non c'è più spirito di cooperazione, ma divisione e protezionismo. E temo che di vedere di fronte a una nuova crisi solo nazioni che cercheranno di scaricare le colpe le une sulle altre».
Giovedì 13 Settembre 2018, 11:01 - Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 19:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP