Rai, ok alla concessione: riduzione dei canali e stretta sulla pubblicità

Il cavallo di Viale Mazzini
di Marco Castoro

1
  • 5
Il consiglio dei ministri ha dato il via libera al rinnovo per i prossimi dieci anni della convenzione che permette alla Rai di ricevere gli introiti di una quota del canone. Ma a patto che Viale Mazzini si attenga a determinati obblighi. A cominciare dalla massima efficienza, dalla qualità del servizio offerto e dalla riduzione degli sprechi. Sui costi che devono essere coperti da una quota dell'abbonamento è prevista la verifica annuale di Agcom e del ministero dello Sviluppo Economico.

Per quanto riguarda la pubblicità Viale Mazzini non potrà più presentare listini con forti ribassi che falsano il mercato e danneggiano i competitor (carta stampata, radio e tv nazionali e locali). Inoltre non potrà più concentrare gran parte della pubblicità su Raiuno ma dovrà distribuire i break in maniera equa tra tutti i canali, i quali però dovranno essere diminuiti, perché sono troppi.

Così come le testate giornalistiche necessitano di un accorpamento, in modo da ridurre i costi. Il piano editoriale dell'azienda - ancora non redatto - dovrà indicare quale sia la mission da perseguire.

Un altro obbligo riguarda il segnale: la Rai è tenuta ad assicurare la ricezione gratuita al 100% della popolazione.
Tra i punti programmatici ci sono la diffusione di trasmissioni informative in lingua inglese e il sostegno allo sviluppo dell’industria nazionale dell’audiovisivo. Si chiede alla Rai di spingere sui mercati internazionali le produzioni di cinema e fiction che possono attirare compratori esteri.

Ora l'iter prevede che il testo passi alla commissione di vigilanza, il cui parere non è vincolante, poi si aprirà la partita con la Rai per la stesura del contratto di servizio della durata di 5 anni.
Venerdì 10 Marzo 2017, 20:51 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2017 11:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-03-12 10:43:11
La rai societa' a delinquere !

QUICKMAP