Bitcoin, allarme Ue per i consumatori
E aumentano le truffe degli hacker

Rischi altissimi per i consumatori che acquistano criptovalute. L'allarme arriva dalle tre agenzie europee responsabili per le banche (Eba), i mercati mobiliari (Esma) e le assicurazioni (Eiopa) in un "avvertimento ai consumatori sugli alti rischi dell'acquisto e detenzione delle cosiddette valute virtuali". Le tre autorità si definiscono "preoccupate dal fatto che un numero crescente di consumatori acquisti valute virtuali con l'aspettativa che il loro valore continui a crescere senza essere consci dell'alto rischio di perdere il denaro investito". Bitcoin, Ripple, Ethereum e molte altre sono risultate estremamente volatili negli ultimi mesi. Secondo le tre autorita' la capitalizzazione totale delle cento principali valute virtuali è stimato in un controvalore di 330 miliardi di euro a livello globale. "Se acquistate valute virtuali siate consapevoli del fatto che avete un alto rischio di perdere gran parte e persino tutto l'investimento fatto", scrivono Eba-Esma ed Eiopa nell'avvertimento congiunto ai risparmiatori.

Intanto cresce il fenomeno del "mining" abusivo, cioè la produzione di criptomonete da parte di hacker che sfruttano la potenza di calcolo di una rete di computer all'insaputa della vittime. Il rapporto della società di sicurezza Check Point Software Technologies, relativo al periodo luglio-dicembre 2017, ha messo in evidenza che nel mondo un'azienda su cinque è stata colpita da un virus per la produzione di criptovalute. Pochi giorni fa un gruppo di scienziati russi è stato fermato perché usava il supercomputer del laboratorio nucleare in cui lavorava per produrre criptomonete. Mentre un ricercatore di sicurezza, Scott Helme, ha spiegato alla Bbc che oltre quattromila siti, inclusi quelli governativi, sono stati colpiti da questo fenomeno.
Martedì 13 Febbraio 2018, 12:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP