I lavoratori della Bekaert: «Di Maio mantenga le promesse sulla cig per cessazione»

Il presidio dei lavoratori Bekaert davanti alla Pirelli
In attesa dell'incontro del 21 settembre al Mise, oggi una folta delegazione dei lavoratori della Bekaert ha manifestato, con un presidio di due ore e poi un coirteo finale,  davanti alla storica sede della Pirelli a Milano Bicocca. I sindacati hanno annunciato una nuova manifestazione a Roma, davanti al ministero dello Sviluppo Economico, proprio per venerdì 21. L'azienda, con sede a Figline Valdarno (Firenze), occupa 318 lavoratori. Fino al 2014 è stata di proprietà della Pirelli, che ne è ancora cliente, e oggi è controllata dalla multinazionale belga Bekaert, che ne ha annunciato la chiusura a partire dal prossimo 4 ottobre.
I lavoratori avevano riposto molte speranze nell'annuncio, fatto ieri dal ministro Di Maio, del ripristino per decreto della cassa integrazione per cessazione di attività. Il ministro aveva detto che la misura avrebbe fatto parte del decreto emergenze varato ieri dal Consiglio dei ministri. Ma così non è stato. I sindacati a questo punto sperano che la norma possa arrivare entro il 21 settembre.
Alla manifestazione di oggi hanno preso parte anche  il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e il sindaco di Figline, Giulia Mugnai, chiedendo di essere ricevuti dall'azienda, ma ottenendo un rifiuto. Nel pomeriggio, però, Pirelli ha comunicato a Rossi la propria disponibilità a un incontro.
«Credo che Pirelli da cliente, ha gli strumenti per farsi sentire. Chiediamo quindi che si senta moralmente impegnata a dare una mano» ha detto Rossi.
Il governatore della Toscana ha anche ricordato la visita di Di Maio alla fabbrica: «Ho apprezzato che Di Maio sia venuto alla Bekaert e abbia preso un impegno: un provvedimento urgente per l'introduzione della cassa integrazione per cessazione. Ora pretendiamo che lo rispetti» ha detto. 
 Rossi è fiducioso sulla possibilità di reindustrializzazione dell'area:  
« Sul tappeto ci sono più ipotesi,  anche se la continuazione della produzione di steel cord sarebbe certamente la migliore. Intanto noi chiediamo che al tavolo  aperto al Ministero per lo sviluppo economico partecipi anche la Pirelli, che fino a quattro anni fa era
proprietaria dello stabilimento».
 L'azienda Pirelli, oltre ad essere maggior acquirente dei materiali prodotti da Bekaert a Figline (steelcord), è
anche l'ex proprietaria dello stabilimento figlinese (ceduto alla multinazionale belga nel 2014).
Venerdì 14 Settembre 2018, 17:15 - Ultimo aggiornamento: 14-09-2018 18:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-15 18:49:51
gigino promette tutto a tutti!!! come aveva promesso il taglio degli stipendi dei parlamentari o la fine dei vitalizi o bum bum il recupero di 30 miliardi (diventati 50 nel comizio di pomigliano) da spese inutili da distribuire agli itagliani!!! in realtà l'unica cosa che farà sarà il reddito di cittadinanza!!! primo perchè al sud gli porterà una marea di voti e poi perchè è un modo di far avere uno stipendio ai nullafacenti (come lui)!!!!!!!

QUICKMAP