«Sogno un'Accademia internazionale dello spettacolo dal vivo»: Franco Dragone racconta la sua Master Class in programma in Irpinia

di Donatella Trotta

Se è vero cha tutti apparteniamo alla nostra infanzia come a un paese, allora artisti della musica e del teatro come Vinicio Capossela e Franco Dragone ne sono la testimonianza vivente. Tant’è che se il primo ha rivitalizzato non solo in musica il borgo di Calitri, in Alta Irpinia, con l’originalità identitaria dell’ormai collaudato (da sei edizioni) Sponz Fest, e ha reso omaggio alla terra d’origine dei suoi genitori - dove tuttavia non è cresciuto, essendo nato ad Hannover - con l’evocativo romanzo Il paese dei coppoloni (Feltrinelli, finalista al premio Strega nel 2015), Dragone punta invece, sempre nella “terra dell’osso”, sulle arti caleidoscopiche dello spettacolo: in cui il regista e direttore artistico italiano, naturalizzato belga, è visionario Maestro di fantasia, artefice di magie e sogni, pioniere di esperienze innovative di respiro internazionale, ricercatore e maieuta dell’immagin/azione e – non ultimo - generatore creativo di lavoro, anche al tempo della globalizzazione.
 
Obiettivo di Dragone, rilanciare il potere trasformante e liberatorio dell’arte indipendente, non solo di strada, nello scenario tutto da valorizzare dell’appartata bellezza di Cairano - borgo natìo arroccato su una collina in provincia di Avellino, lasciato alla volta del Belgio da Dragone bambino con la famiglia, quando il futuro fondatore del Cirque du Soleil aveva 7 anni, ma mai dimenticato come l’appartenenza alle proprie radici irpine – sottraendolo, così, alla marginalizzazione non soltanto territoriale che penalizza tanta Irpinia interna. In che modo? «Creando un’Accademia internazionale dello Spettacolo dal vivo che guarda al futuro, con il coinvolgimento iniziale di 25 giovani, italiani e stranieri, nella formazione attraverso una Master Class residenziale a numero chiuso, in programma dal 3 al 14 settembre prossimi a Cairano», sintetizza l’artista  i cui spettacoli, secondo alcune stime, sono stati visti nel mondo da circa 80 milioni di persone - anticipando lo spirito dell’iniziativa, che sarà presentata venerdì 27 luglio a Napoli, alle ore 11, nella Sala “Nassirya” del Consiglio Regionale della Campania (Centro Direzionale, Isola F/13 21° piano). Interverranno Rosetta D’Amelio, presidente del Consiglio Regionale; Luigi D’Angelis, sindaco di Cairano; Dario Bavaro, coordinatore del progetto; Carmine Lepore, responsabile di Atb Consulting, che cura la realizzazione del programma e Dragone stesso, direttore artistico della Master Class il cui bando con i requisiti e le modalità di ammissione alle attività didattiche è consultabile sul sito www.atbconsulting.it .
 
Un progetto unico e singolare, nel panorama internazionale: «Con la Master Class a frequenza gratuita - continua Franco Dragone - porteremo infatti a Cairano un parterre di docenti di fama mondiale, che trasferiranno ai corsisti il loro bagaglio di esperienza nell’arte: dalla drammaturgia alla normativa sullo spettacolo italiana e comunitaria, dalla recitazione al management eventi, fino alla tecnica del palcoscenico, e non solo». Qualche esempio? Tra i formatori eccellenti, oltre allo stesso Dragone, anche nomi del calibro di Lassaâd Saïdi (docente per più di dieci anni alla Scuola di Jacques Lecoq a Parigi, poi fondatore, 35 anni fa a Bruxelles, in Belgio, della rinomata scuola internazionale di teatro École Lassaad, punto di riferimento nell’insegnamento del teatro del gesto e non solo) e di Marco Baliani, eclettico attore, scrittore, drammaturgo e regista teatrale, sperimentatore di diversi linguaggi creativi (drammaturgie corali, teatro di narrazione, opere liriche di cui ha curato libretti e regie, progetti e spettacoli-evento).

«Questo – sorride Dragone - è solo un primo seme che noi piantiamo, sperando di poter far sorgere un’Accademia Permanente, che consentirebbe di promuovere la Campania in campo internazionale». Per due settimane, dal 3 al 14 settembre, Cairano con il suo teatro all’aperto del Borgo Fiorito, nel suggestivo scenario naturale della rupe, diventerà così sito sperimentale di eccellenza di un itinerario formativo all’avanguardia, con precisi obiettivi di qualificazione culturale e professionale:  «Pur viaggiando nel mondo - spiega ancora Dragone - sono molto legato al mio paese natio nel cuore dell’Irpinia, che purtroppo si sta progressivamente spopolando. Con la Master Class sullo Spettacolo dal Vivo avremo un parterre di docenti noti e autorevoli,, la cui collaudata esperienza è di sicuro richiamo per soggetti interessati e motivati a sviluppare una concreta professionalità nel campo dell’organizzazione, della produzione e del management dello spettacolo dal vivo, con particolare riferimento alle istituzioni e alle imprese negli ambiti del teatro, della danza, della musica, dell’opera e dei festival, italiani ed esteri. Durante il mio percorso – aggiunge Dragone - , ho infatti spesso incontrato artisti che non avevano maturato una conoscenza tecnica delle dinamiche dello spettacolo. Con la Master Class vogliamo offrire una formazione qualificata, competitiva, che consenta un inserimento rapido nel mondo del lavoro, grazie a standard di professionalità elevata ed al passo con i tempi. Una scommessa sul futuro, ma anche una modalità per sostenere le nuove generazioni che hanno passione per le arti».
 
La selezione dei partecipanti alla Master Class avverrà attraverso il bando pubblico pubblicato sul sito di Atb Consulting (scadenza delle domande, il prossimo 15 agosto): la scheda di adesione con gli allegati richiesti va indirizzata per PEC all’indirizzo postmaster@pec.atbconsulting.it ; per info presso la segreteria didattica, telefonare ai numeri 0825 349237 o 0825 1911906; email: info@atbconsulting.it; oppure a.scorzeto@atbconsulting.it . I 25 corsisti, giovani in possesso di diploma di scuola secondaria, italiani o stranieri, che non abbiano superato il 25esimo anno d’età, accederanno quindi gratuitamente alle lezioni frontali grazie ad un voucher formativo messo a disposizione dall’amministrazione comunale guidata da Luigi D’Angelis che ha collaborato anche, per la permanenza dei partecipanti, a ridurre le spese di vitto e alloggio (che restano a carico dei corsisti), con tariffe agevolate in strutture convenzionate con il Comune di Cairano. La Master Class residenziale riguarda due distinti percorsi di studio: uno performativo, l’altro incentrato sullo spettacolo dal vivo, con l’approfondimento della normativa italiana e comunitaria in materia, degli aspetti manageriali, delle tecniche per l’allestimento di performance artistiche di vario genere, dal teatro all’opera,  dalla musica alla danza. E al termine del percorso formativo, i giovani selezionati più brillanti potranno anche essere prescelti per stage o per un periodo di attività nel mondo dello spettacolo.
 
Mercoledì 25 Luglio 2018, 19:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP