Torna Fernandez
il giornalista scapestrato

Il giornalista scapestrato
Terzo capitolo della saga su Jacopo Fernandez, lo scapestrato giornalista, eroe a sua insaputa, costretto a occuparsi di complicate vicende di cronaca, che finisce inconsapevolmente in bizzarre situazioni che scatenano l’ira di politici corrotti, malviventi e servizi segreti deviati. Venerdì alle 18.30 alla libreria Mooks Mondadori Bookstore di piazza Vanvitelli, Antonio Di Costanzo presenta il romanzo “Scrivo solo dopo il rum. Tragicomica esistenza di un pennivendolo beone” (Collana Dieci, Edizioni Homo Scrivens). Con l’autore interverranno Gianni Molinari, capocronista de Il Mattino, Vincenzo Esposito, caporedattore de Il Corriere del Mezzogiorno, Ilaria Urbani, giornalista di Repubblica. Modera Aldo Putignano, scrittore ed editore, mentre le letture sono affidate a Paquito Catanzaro. 
Con il personaggio di Jacopo Fernandez, Di Costanzo ha pubblicato per Cento Autori “Volevo solo svegliarmi tardi la mattina” (2010) e “Non sono un fottuto giornalista eroe” (2011). In “Scrivo solo dopo il rum”, il cronista semi-alcolizzato detestato dai colleghi avrà attorno a sé personaggi come Gennarino ’o trans, Dimitri, il barbone filosofo che dorme nella sua auto e recita versi, Martina, la stagista del giornale, il padre di Jacopo, mite pensionato diventato spacciatore di marijuana per aiutare la moglie malata, e gli immancabili Salvatore Costante, l’amico vicequestore “panzone”, e Federica “salviamoilmondo” Guglielmi, il suo grillo parlante. 
Mercoledì 7 Giugno 2017, 16:41 - Ultimo aggiornamento: 07-06-2017 16:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP