Dieta mediterranea e tutela del paesaggio nel libro di Fabio Pollice

di Ciriaco M. Viggiano

MASSA LUBRENSE - Non è solo garanzia di benessere, come molti studi hanno ampiamente evidenziato. La dieta mediterranea è lo stile alimentare che più di ogni altro ha contribuito a plasmare i paesaggi agrari e a mantenere con essi un legame di forte reciprocità. Tanto è vero che parlare di quel modello nutrizionale, dichiarato patrimonio immateriale dell'umanità e pertanto inserito tra i beni protetti dall'Unesco, significa evocare automaticamente gli agrumeti dell'Italia meridionale, il mare che bagna le isole della Grecia e, più in generale, le atmosfere che caratterizzano il bacino del Mediterraneo. Di questo si discuterà sabato alle 10, nell'oratorio del Santissimo Rosario di Sant'Agata sui due golfi, nel corso della presentazione de "I paesaggi della dieta mediterranea".

Curato da Fabio Pollice, il volume evidenzia come la ricchezza e la varietà delle produzioni agroalimentari italiane di qualità siano in larga misura il risultato di quel complesso mosaico naturalistico e culturale che è la stessa Penisola. I due aspetti risultano così profondamente collegati che solo tutelando il paesaggio si riescono a preservare la ricchezza ecologica, culturale e le attività economiche del Bel Paese. Il libro curato da Pollice propone una riflessione proprio sul rapporto che lega paesaggio, produzioni tipiche e dieta mediterranea, focalizzando l’analisi sulla Campania: fu proprio in questa regione, d'altra parte, che il biologo e fisiologo statunitense Ancel Keys cominciò a studiare questo stile alimentare, evidenziandone i benefici per la salute umana.

All'evento prenderanno parte il sindaco Lorenzo Balducelli e il suo vice Giovanna Staiano, lo chef stellato massese Alfonso Iaccarino e l'ex parlamentare Alfonso Andria, presidente del Centro universitario europeo per i Beni Culturali e primo firmatario del disegno di legge sulla dieta mediterranea. A concludere questo viaggio nei paesaggi della dieta mediterranea in Campania, occasione per riflettere sull’importanza che la tutela del paesaggio può avere nella valorizzazione economica e turistica del territorio, sarà Fabio Pollice, curatore del libro e ordinario di Geografica economico-politica presso l'Università del Salento.
Giovedì 4 Ottobre 2018, 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP