Guerra tra Casalesi e clan Nuvoletta, tre accusati di omicidio del '91

Tre persone, tutte considerate appartenenti al clan camorristico dei Casalesi fazione Schiavone, sono state raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per l'omicidio di Stefano Izzo, ucciso il 18 dicembre 1991 a Pastorano, in provincia di Caserta. L'ordinanza è stata emessa dal gip di Napoli al termine di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea nei confronti di Walter Schiavone, 56 anni, Enrico Martinelli, 53 anni, e Antonio Mezzero, 55 anni, ritenuti responsabili a vario titolo di concorso in omicidio, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, aggravati dal metodo e finalità mafiose.
I Carabinieri della stazione di Grazzanise hanno eseguito l'ordinanza nelle carceri di Parma, Opera (Milano) e Voghera (Pavia).Le indagini, condotte con il supporto delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Cipriano D'Alessandro e Nicola Panaro, entrambi indagati nel medesimo procedimento per gli stessi reati, hanno permesso di contestualizzare l'omicidio nell'ambito della faida tra il clan dei Casalesi e quello dei Nuvoletta di Marano ( Napoli), proprietari dell'azienda agricola nella quale Izzo svolgeva funzioni di guardiano.
La vittima era sospettata dal clan dei Casalesi di aver partecipato, in qualità di «specchiettista», all'esecuzione dell'omicidio di Emilio Martinelli, fratello di Enrico Martinelli, destinatario del provvedimento cautelare eseguito oggi.​
Lunedì 12 Marzo 2018, 15:29 - Ultimo aggiornamento: 12-03-2018 15:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP