Investì 17enne, si costituisce:
«Ma io non c'entro con l'incidente»

di Antonio Borrelli

  • 30
È finita ieri la fuga di Donato De Rosa, il 30enne che, dopo una lite, ha travolto con l'auto il 17enne Salvatore De Falco. De Rosa si è costituito nella tarda mattinata di ieri al carcere di Cassino. «Intende chiarire la sua posizione - ha riferito il suo avvocato, Salvatore Piccolo - ritenendosi estraneo all'accusa di tentato omicidio che gli viene contestata».

Ma Piccolo ha anche voluto sottolineare che «Donato e la sua famiglia, al di là dei fatti che saranno chiariti nelle sedi opportune, esprimono vicinanza alla famiglia De Falco in un momento così doloroso e spera che Salvatore possa riprendersi totalmente». Il 17enne di Sparanise è ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta. È in gravi condizioni, ma sembra sia in lieve miglioramento. Per manifestare solidarietà a lui e alla sua famiglia, nel tardo pomeriggio di ieri un'intera comunità è scesa in strada con una fiaccolata. Grazie alla straordinaria generosità di alcuni cittadini e della Parrocchia, circa 500 candele sono state distribuite da alcuni cittadini davanti la Chiesa Madre in piazza Giovanni XXIII. Alla fiaccolata hanno preso parte 2500 persone.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 10 Dicembre 2018, 08:38 - Ultimo aggiornamento: 10-12-2018 09:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP