Terrore nel Casertano: militante Forza Nuova ammazza la moglie e ferisce cinque persone sparando dal balcone, poi si uccide

ARTICOLI CORRELATI
di Mary Liguori

  • 2890
Inviata a Bellona

Si è tolto la vita dopo ore interminabili di inferno Davide Mango, classe 1970, la guardia giurata di Bellona che nel pomeriggio ha ucciso la moglie Anna Carusone, 50 anni, s'è barricato in casa e ha esploso almeno quindici colpi dal balcone con un fucile e una pistola, ferendo cinque persone. Panico tra la gente del paese, sul posto sono intervenuti una cinquantina di carabinieri, sui tetti degli edifici circostanti  erano appostati diversi cecchini.



La trattativa con l'uomo è andata avanti per ore ed è stata affidata al capitano dell'Esercito Marisa Castelrechini, criminologa che ha cercato di convincere il killer a lasciare entrare i carabinieri con il personale del 118. Sul posto anche il padre di Mango che ha provato a dissuaderlo dall'estremo gesto urlando di continuo «Davide, Davide, basta». 

Ex vigilante, militante di Forza Nuova, Mango ha sparato alla moglie che aveva minacciato di lasciarlo. Avrebbe puntato l'arma anche contro la figlia 15enne, che è però riuscita a scappare. 

Dopo le 21, dopo tre ore di interminabile trattativa e diverse minacce di suicidio, dall'esterno i carabinieri hanno sentito un ultimo colpo di arma da fuoco: l'uomo si era tolto la vita sparandosi alla testa. È stato a quel punto che i militari hanno fatto irruzione all'interno dell'abitazione trovando anche il corpo senza vita della moglie. 



Cinque le persone ferite in strada dalla follia di Mango. Tra queste il luogotenente Crescenzo Iannarelli, comandante della stazione dei carabinieri di Vitulazio, e una donna, Jolanda Festa, adesso ricoverata in ospedale a Caserta. Sono state colpite anche altre due ragazze che in quel momento passavano su via Aldo Moro: Giovanna Giudicianna e Miriam Sferragatta. Nessuno dei feriti sarebbe però in pericolo di vita. 
 
 

Il pomeriggio di follia è iniziato alle 16, quando Mango ha lanciato una bombola di gas giù dal balcone del primo piano e ha urlato di avere ucciso sua moglie. Subito dopo ha imbracciato un fucile e ha fatto fuoco diverse volte dai due balconi della casa al secondo piano in cui viveva.

I carabinieri hanno evacuato la palazzina, mentre diverse persone si sono barricati a loro volta dentro il supermercato che si trova sotto l’edificio. Sul posto sono state inviate diverse ambulanze. 

«Ci siamo subito accorte che qualcuno stava sparando, stavo entrando  nel bar con la mia amica quando ho sentito un bruciore alla fronte», ha riferito Giovanna ai carabinieri. Miriam, l’altra ragazza ferita, continua invece a ripetere: «Siamo vive per miracolo, ci è andata bene, ci è andata bene».
 
Lunedì 22 Gennaio 2018, 17:10 - Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 06:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP