Santa Maria, boom di furti
di gomme dalle auto parcheggiate

di Monia Pretto

1
  • 2
SANTA MARIA CAPUA VETERE - Furti di pneumatici dalle auto in sosta da rivendere al mercato nero. Mattoni al posto di gomme e cerchioni l'amara sorpresa per i tanti automobilisti derubati. L'escalation di furti di questo tipo ha colpito negli ultimi tempi soprattutto i quartieri residenziali della città.

La scelta dei ladri ricade spesso sulle utilitarie o comunque su modelli piuttosto comuni, le cui ruote possono essere rivendute senza difficoltà. La tecnica dei malviventi consiste nel sollevare la vettura parcheggiata con l'aiuto di un cric per smontare le gomme e i cerchioni, la squadra agisce di notte, senza destare l'attenzione dei residenti. In questo modo i malviventi riescono rubare in pochi minuti l'intero treno di gomme dal valore di diverse centinaia di euro. Tra le zone della città prese di mira quelle di via Galatina e la zona C1 nord. L'uso di bulloni antifurto da applicare alle ruote potrebbe rappresentare, secondo alcuni cittadini, il metodo più efficace per difendersi da questo tipo di atti. Il furto di pneumatici è un fenomeno nuovo nella città di Santa Maria, già fortemente provata dalle incursioni dei ladri nei negozi. Il Tre Store in viale del Consiglio d'Europa, il tabacchi di via Alcide De Gasperi e il negozio di giocattoli in via Della Valle sono solo le ultime attività in ordine di tempo ad aver subito dei danni. Negli ultimi mesi il fenomeno dei furti infatti ha assunto dimensioni preoccupanti e ha coinvolto attività di tipo diverso in diversi punti della città, da centro storico alla zona nord. I malviventi tentano di introdursi negli esercizi commerciali utilizzando arnesi per scassinare la porta d'ingresso o la saracinesca. In alcuni casi la banda dei ladri si è allontanata col bottino a bordo di un'automobile, in altri l'allarme è riuscito a mettere in fuga i malviventi e il colpo non è andato a segno ma, oltre ai danni economici dovuti alla riparazione dagli infissi, tale situazione crea un senso di paura e insicurezza in commercianti e cittadini. I commercianti esprimono la loro indignazione e l'intenzione di fare fronte comune chiedendo un riscontro alle istituzioni in termini di maggiori controlli e sicurezza.
 
Lunedì 10 Dicembre 2018, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-10 12:41:41
Si certo com'è che ha detto de MagIsitris? Nascere a Napoli è un privilegio, viverci un atto d'amore? Ma è già circondato dai fumi della cena natalizia?Mi sfugge qualcosa.A parte la fame nera visto che le gomme si rubavano nel dopoguerra esattamente pratica nata nel 1947.Fate un po voi i conti.Asmodeo

QUICKMAP