Usura agli allevamenti di bufale nel Casertano: i carabinieri arrestano padre e figlio

Padre e due figli finiti agli arresti domiciliari con l'accusa di usura e numerosi imprenditori del settore bufalino finiti nella morsa dei debiti. È il bilancio dell'ultima indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che ha portato all'arresto, su ordine del Gip, per associazione a delinquere finalizzata all'usura, di un 75enne e dei figli di 35 e 32 anni. I tre risiedono a Sant'Anastasia, nel Napoletano. Una quarta persona è indagata. I carabinieri della Compagnia di Casal di Principe che hanno realizzato le indagini, hanno sequestrato nell'abitazione degli indagati un foglio manoscritto con le generalità delle presunte vittime, i cellulari e uno schema in bianco relativo alle entrate e uscite.

Secondo gli investigatori l'attività usuraia sarebbe andata avanti ininterrottamente dal 2006 al 2016; ben sedici gli episodi di usura contestati. Vittime soprattutto imprenditori del settore bufalino che hanno i propri allevamenti nel Casertano, a Cancello e Arnone. Le indagini sono partite nel 2015 dopo un esposto anonimo arrivato alla stazione dell'Arma a Cancello e Arnone, nel quale venivano indicati nomi di imprenditori sottoposti ad usura.
Giovedì 11 Gennaio 2018, 12:23 - Ultimo aggiornamento: 11-01-2018 12:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP