Minacce del clan a Saviano e Capacchione, processo nullo

ARTICOLI CORRELATI
di Marilù Musto

7
  • 295
Caserta. Sentenza nulla, gli atti passano a Roma. Questa è la decisione presa dai giudici della Corte di Appello di Napoli -  presidente Fernando Giannelli, relatore Fabiana Mastrominico - al termine del processo che vede imputato l'avvocato Michele Santonastaso, ex difensore di camorristi, ora libero, condannato in primo grado alla pena di un anno di reclusione per le minacce alla giornalista del Mattino Rosaria Capacchione e allo scrittore Roberto Saviano, autore del libro Gomorra. A conti fatti, il «tarlo» della prescrizione potrebbe cominciare a camminare. Il rischio c'è.

Il processo doveva essere incardinato a Roma perché nel testo dell'istanza (più una minaccia che un'istanza, stando alle indagini della Dda di Napoli) letta da Santonastaso in aula - durante il processo di Appello denominato Spartacus contro il clan dei casalesi -  erano stati inseriti anche i nomi dei magistrati di Napoli e Santa Maria Capua Vetere che avevano occupato un ruolo cardine nella lotta al crimine organizzato dell'area casertana. Per i giudici, dunque, il processo doveva slittare nella Capitale perché la procura di competenza per i magistrati citati era quella romana. L'eccezione era stata sollevata in secondo grado dai legali difensori di Santonastaso, Mauro Iodice e Rizziero Angeletti.

Il proclama - che fece piombare nei guai l'avvocato - venne letto da Santonastaso nel 2008 ed era a firma dei boss Antonio Iovine, ora pentito, e Francesco Bidognetti di Casal di Principe. Entrambi assolti.

Il precedente


La sentenza di primo grado era stata emessa dalla terza sezione del Tribunale di Napoli che aveva assolto anche l'avvocato Carmine D'Aniello. Santonastaso, invece, era stato condannato non solo alla pena di un anno di reclusione, ma anche al pagamento del risarcimento dei danni a favore di Saviano, Capacchione e dell'Ordine dei giornalisti della Campania, che si erano costituiti parte civile, nonchè ad una provvisionale di 20 mila euro alla giornalista. Il pm Antonello Ardituro aveva chiesto la condanna a un anno e sei mesi per Santonastaso, Bidognetti e D'Aniello.


Gli ex boss Francesco Bidognetti e Antonio Iovine, quest'ultimo collaboratore di giustizia, furono assolti per le minacce con la formula "per non aver commesso il fatto". Ai due era contestata anche l'aggravante della finalità mafiosa.
Martedì 3 Ottobre 2017, 18:10 - Ultimo aggiornamento: 05-10-2017 22:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-10-04 12:13:30
Saviano e il prete Don Luigi Merola, sono decenni sotto protezione dello Stato, solo che il secondo cerca di tutelare, aiutare, curare le cattive anime per riportarle alla religione e alla ragione sociale, il primo ha venduto milioni di libri e film che oggi si potrebbe permettere la migliore scorta privata e lasciare che questa odierna sia di forza a chi davvero ne ha bisogno, e non che sia di rinforzo ai pentiti che poi alla fine ritornano dove erano partiti, cioè ad essere criminali.
2017-10-04 08:07:48
Giustamente ve la prendete con saviano perché siete persone ottuse,...senza capire il problema reale di questo processo! Vi meritate tutto il degrado di questa città!
2017-10-04 06:37:43
Savià vai faticare.
2017-10-03 20:15:41
Ancora a perdere tempo con le minacce al solito unto del signore che ogni giorno ci delizia con le sue pontificazioni sul nulla?Ma con tutti gli stupri ,i furti gli omicidi,gli stalkers che ci sono in giro dobbiamo preoccuparci di presunte minacce a una persona tra l'altro scortata a spese dei contribuenti?Ridicolo!
2017-10-03 19:22:55
sei la vergogna di napoli nel mondo intiero

QUICKMAP