Abusi a bambini durante la recita
di Natale, processo all'orco

di Marilù Musto

  • 191
Il luogo dell'abuso è il piccolo bagno dell'ex macello di Aversa, ora diventato un centro culturale. Durante le prove per la recita natalizia del 2013, due bambini furono avvicinati da un ragazzo di 23 anni e toccati, violentati. Lui, il presunto orco, era lì con i piccoli di tre e quattro anni perché, all'epoca dei fatti, era il fidanzato di un'insegnante della scuola dell'Infanzia «Mini R. Club», un plesso gestito da privati a Gricignano di Aversa. Gli alunni si trovavano in quel luogo, spesso utilizzato per recite ed eventi, per provare un balletto poi andato in scena la settimana prima del Natale.
Ma solo nel febbraio del 2014 - dopo un periodo di osservazione dei bimbi da parte dei genitori e la rivelazione di una bambina, in particolare - scattò la denuncia ai carabinieri per violenza sessuale nei confronti del ragazzo. Il fascicolo finì nelle mani del pubblico ministero Claudia Maone che dispose, subito, il divieto di avvicinamento del ventitreenne ai luoghi frequentati dai piccoli.
Ieri, dopo quattro anni, il giudice Fabrizio Finamore del tribunale di Napoli nord ha rinviato a giudizio Silvestro D. S., oggi ventisettenne, residente a Parete; comparirà da imputato in tribunale il 12 gennaio, giorno della prima udienza fissata davanti ai magistrati della prima sezione penale, collegio C.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 1 Dicembre 2017, 08:49 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2017 11:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP