Marcianise, Velardi ritira le dimissioni da sindaco

MARCIANISE - Antonello Verlardi ha ritirato le dimissioni da sindaco di Marcianise e motivato la sua decisione con un post di pochi minuti fa su Fb.

"Ho revocato le mie dimissioni da sindaco di Marcianise. L'ho appena comunicato al segretario comunale e al presidente del consiglio comunale. Ho poco da aggiungere ad un gesto che già di per sé è un messaggio, senza equivoci. Preciso solo che sono arrivato a questa determinazione dopo aver riscontrato un coro unanime in tal senso: l'ho detto e lo ripeto, non me l'aspettavo. Un coro che ha coinvolto i marcianisani, miei amati concittadini, e moltissime persone che di Marcianise non sono ma che nel frattempo hanno imparato a conoscerci ed apprezzarci. Un coro che ha interessato vertici istituzionali e politici, uomini di cultura, uomini della Chiesa, esponenti delle più diverse realtà sociali ed economiche, comunità anche molto lontane dalle nostre. La conferma di una straordinaria attenzione al nostro territorio, ora sì di nuovo baricentrico a livello nazionale. Ma anche la conferma di un'adesione convinta ad un nuovo modo di amministrare le città.

Avrei da ringraziare migliaia di persone. Non ci riesco, ovviamente. E' chiaro che nei confronti di queste persone ho ora un obbligo ancora maggiore: saremo ancora più intransigenti e più diretti nel realizzare quel programma in cui una comunità non solo locale adesso si riconosce. Non faremo sconti a nessuno su questa strada: non vogliamo farne, non possiamo farne perché ne va della nostra credibilità. Che per quanto ci riguarda è tutto. Chi non sarà su questa strada è automaticamente fuori: non siamo abituati ai teatrini, ai riti vuoti della politica; non siamo abituati a mercanteggiare.
Non riesco a ingraziare tutti e mi scuso. Ma voglio dire grazie a chi, con l'esempio di una vita, ha spiegato a me e a tutti che cosa è l'impegno per gli altri: l'impegno gratuito, disinteressato, entusiasmante, coerente, permanentemente lontano dagli interessi personali. Grazie a chi è ancora un esempio vivente e a chi purtroppo non c'è più: il rimpianto è lacerante, ma la vicinanza è tangibile.
Ora ripartiamo! Dimostriamo a noi stessi e agli altri che un altro mondo è possibile. Aiutatemi a dimostrarlo".
Lunedì 9 Aprile 2018, 13:10 - Ultimo aggiornamento: 09-04-2018 13:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP