La casertana Manucor passa di mano
Il fondo Pillarstone Italy rileva il 100%

Lo stabilimento di Manucor a Cellole (Caserta)
Il fondo Pillarstone Italy annuncia in una nota che si è concluso il processo di acquisizione del 100% di Manucor, azienda casertana specializzata nella produzione di film di polipropilene per imballaggi flessibili, etichette e nastri adesivi.
Pillarstone, ricorda il comunicato, ha rilevato nel dicembre 2015 i crediti a medio-lungo termine di Intesa Sanpaolo verso Manucor nell’ambito di un portafoglio di esposizioni del gruppo bancario e di Unicredit verso cinque aziende italiane. Pillarstone ha inoltre completato una ristrutturazione dell’indebitamento e una ricapitalizzazione di Manucor, convertendo 10,2 milioni di euro di debito in azioni e rendendo ulteriori 5 milioni convertibili a discrezione della società. Il debito residuo di 25 milioni è stato riscadenziato al 2022.
Il nuovo piano industriale 2018-2022 di Manucor, gruppo con un fatturato di 140 milioni di euro, prevede investimenti per 15 milioni destinati alla riqualificazione della capacità produttiva per sostenere il miglioramento del mix di vendite.
A seguito dell’operazione è stato nominato il nuovo consiglio di amministrazione, che vede la conferma di Giuseppe Garofano come presidente e la nomina di Luigi Scagliotti come amministratore delegato.
Pillarstone, che fa capo al fondo statunitense Kkr, ha ora in gestione circa 2 miliardi di euro di debiti bancari con oltre 200 milioni di investimento impegnati in nove società.
Giovedì 3 Maggio 2018, 19:24 - Ultimo aggiornamento: 03-05-2018 19:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP