Delitto per un funerale, in manette Bianco

Delitto per un funerale,
in manette Bianco
A Casal di Principe, gli agenti della squadra mobile di Caserta con il nucleo investigativo dei carabinieri, hanno arrestato Cesare Bianco, di 51 anni, pluripregiudicato e raggiunto da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla procura generale della Repubblica presso la corte di Appello di Napoli. Bianco dovrà espiare la pena di 20 anni, 10 mesi e sette giorni di reclusione per il delitto di concorso in omicidio aggravato, consumato il 26 settembre del 1996 a Santa Maria la Fossa, nei confronti di Giovanni Parente.

L’omicidio è stato commesso in quanto la vittima, titolare di un’agenzia di onoranze funebri, aveva effettuato un funerale in violazione degli accordi con l’agenzia di Lucia Setola, suocera di Antonio Papa, affiliato al clan «Mezzero», il cui capo era il referente del clan Schiavone nei territori di Santa Maria la Fossa e Grazzanise.

Affiliato storico al “clan dei Casalesi” -fazione Schiavone- già pregiudicato per associazione mafiosa, omicidio ed estorsione, era già sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata con obbligo di firma. Dopo le rituali formalità, Bianco è stato rinchiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.
Mercoledì 10 Gennaio 2018, 13:06 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2018 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP