Caserta, emergenza scuola senza fine: in piazza gli studenti del Buonarroti

Dopo l'inizio dell'anno scolastico, gli studenti dei due istituti di Caserta, Diaz e Giordani, sono scesi in piazza per manifestare la loro indignazione per non aver ricevuto attenzioni, se non dal sindaco di Caserta. «La situazione è grave. Non è più tempo di rimanere fermi», recita una nota diffusa dal coordinamento degli studenti che denunciano doppi turni, mancanza di laboratori, mancanza di una palestra e tanti altri piccoli e grandi disagi. 

«Riteniamo di essere di fronte a una emergenza democratica perché si sta violando un principio della Carta costituzionale qual è il diritto allo studio. In tale ottica invitiamo il prefetto di Caserta a convocare urgentemente il tavolo tecnico presso la prefettura al quale, con spirito collaborativo e propositivo, come studenti, intendiamo portare alcune nostre proposte al fine di addivenire ad una rapida e condivisibile risoluzione della problematica relativa all’inizio dell’anno scolastico. Riteniamo che gli studenti del Buonarroti non meritino questa umiliazione. Chiediamo che le autorità preposte intervengano con sollecitudine, verifichino e rettifichino un siffatto comportamento discriminatorio». 
Giovedì 12 Ottobre 2017, 09:44 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 09:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP