La mamma del boss pentito Iovine:
«Via tutti, è mia metà villa confiscata»

di Tina Cioffo

3
  • 69
VILLA DI BRIANO - «Una parte della villa è mia e voi non avete alcun diritto di stare qui, men che mai di tagliare alberi e piante che mi appartengono». La rivendicazione è della madre di Antonio Iovine ex capo clan dei Casalesi, oggi collaboratore di giustizia. La villa in questione è quella che fu confiscata nel 2009, un anno prima dell'arresto dell'ex camorrista. Il destinatario del rimprovero è stato don Giuseppe Sagliano, il parroco di Villa di Briano al quale è stato affidato l'immobile per essere trasformato in un Centro polivalente per finalità sociali.

È una casa di 850 metri quadri, di tre piani con un giardino terrazzato che la circonda, visibile da diversi lati in via Toti a Villa di Briano ma distante solo qualche centinaia di metri da San Cipriano D'Aversa, paese d'origine della famiglia Iovine. L'immobile che per qualche tempo è stato utilizzato dalla Caritas della parrocchia sanciprianese Santa Croce di don Giovanni Schiavone e dalle guardie zoofile, prima dell'ultimo affidamento al sacerdote era rimasto per diverso tempo del tutto inutilizzato. Più volte infatti, le cronache ne avevano registrato incuria e degrado.

Con l'inizio della nuova progettualità la villa è stata invece, già dal periodo estivo, oggetto di un'intensa opera di riqualificazione e ripristino dell'area esterna e in parte, anche di quella interna. Secondo la donna e il fratello del collaboratore di giustizia, la casa non doveva essere interamente confiscata. Un errore di particelle di terreno avrebbe portato al sequestro e poi alla confisca pure una parte del giardino che secondo la signora le appartiene perché era già una sua proprietà prima che il figlio decidesse di diventare il capoclan dei Casalesi e killer.

«Ci hanno chiesto di fare un muro e di non toccare le piante- spiega il sindaco di Villa di Briano, Luigi Della Corte - rivendicando un diritto che mi lascia basito». È, difatti, strano che la proprietà sia stata reclamata con forza solo ora e che il problema non sia stato posto nei tempi e nelle sedi opportune. «Abbiamo deciso di verificare e chiedere lumi all'Agenzia Nazionale per i beni confiscati ma intanto la progettualità non sarà fermata», ha assicurato il sindaco Della Corte che già ieri mattina ha chiesto al capo dell'ufficio tecnico di analizzare il caso.
Martedì 2 Ottobre 2018, 20:00 - Ultimo aggiornamento: 02-10-2018 20:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-10-03 17:02:10
Sono pienamente d'accordo con lei ripristino uno stato di diritto.
2018-10-03 14:21:53
Sono felice di aver appreso che finalmente il comune si stia interessando del caso,perché è da diversi anni che mia nonna chiede al comune e a chi di competenza di interessarsi alla questione citata nell’articolo,ma mai nessuno si è degnato di controllare,nonostante fossero stati forniti al comune i documenti necessari x chiarire il tutto... Mia nonna è nel pieno diritto di fare quello che fa e non si tratta di certo di una reazione di forza!
2018-10-03 10:00:26
Il sottoscritto parroco non ha ricevuto nessun riprovero da nessuno. Don Giuseppe Sagliano

QUICKMAP