Annunci sul sito web «bakekaincontri», sequestrate tre case a luci rosse nel Casertano: sotto inchiesta il nonno di Fortuna Loffredo

ARTICOLI CORRELATI
di Mary Liguori

10
  • 3275
Prostitute donne e transessuali pubblicizzate via web ricevevano in case di appuntamento alle porte di Caserta. Sono state notificate misure cautelari dai carabinieri della compagnia di Caserta le tre persone ritenute a capo della organizzazione che gestiva le case a luci rosse.

Tra loro c’è Vincenzo Guardato, nonno della piccola Fortuna Loffredo, la bimba violentata e gettata da un palazzo del Parco Verde di Caivano. Gli altri due indagati sono Antonietta Zuppa e Luigi Romano. 
 

Le indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere hanno portato al sequestro di diverse case d’appuntamento tra San Nicola la Strada, Casapulla e Casagiove. 
Lunedì 23 Ottobre 2017, 10:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2017-10-24 19:41:45
Tristezza infinita...Degrado e ignoranza...poveri bimbi costretti a vivere in questa fogna..!!!!
2017-10-24 09:07:18
il cerchio si stringe......
2017-10-24 07:17:18
Mio malgrado abito a Caivano un postaccio ove regna degrado inciviltà sporcizia e tanta ignoranza per non parlare del parco verde il cuore della malavita droga prostituzione e tutto l' illecito che esiste. Questi personaggi elencati in articolo recitano benissimo ma qui tutti sanno e nessuno parla . Il comune in dissesto grazie a tanti cittadini sopratutto il parco verde che oltre a danneggiare tutto non paga niente acqua spazzatura Enel e tasse., anche perché aiutato dai tanti sindaci che per prendere voti li hanno sempre coperto a questi personaggi. Parlo sia dei sindaci di dx che sx tutto compreso l' Ultimo!!
2017-10-23 19:50:05
la notizia ci rende ancora più tristi nel ricordare una bimba sfortunata per nascita, residenza in un discutibile condominio ed un'esistenza lontana dai giochi e privata di quella innocenza che ci fa amare i bambini da sempre e ci rasserena e fa dimenticare un mondo spietato ed egoista fino all'ingiusta, inaudita ed inspiegabile fine sul selciato stradale.......
2017-10-23 19:16:14
servirebbe la pena di morte per questi reati...

QUICKMAP