Campania choc, botte alla maestra
per il rimprovero a bimba di 4 anni

di Nicola Rosselli

12
  • 4950
Picchia la maestra della figlia, che frequenta la scola materna, perché questa le aveva consigliato di fare le stanghette in un certo modo. Ancora un’aggressione ai danni di una docente. Ancora una volta per motivi banali. Quello che colpisce, questa volta, è che teatro dell’episodio è stata una scuola materna, con bambini che vanno dai tre ai sei anni. La maestra, R.B., 35 anni, alla presenza di altri genitori e di diversi piccoli alunni, è stata sbattuta con la testa contro la parete per diverse volte, tanto che sul posto è stato costretto ad intervenire il personale del 118, mentre nella notte, stante il permanere del dolore al capo, la donna si è rivolta ai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale «San Giuseppe Moscati» di Aversa, che hanno escluso conseguenze più gravi. Le colleghe della vittima dell’aggressione sono, comunque, in apprensione perché R.B. potrebbe essere incinta e l’aggressione potrebbe aver causato danni. 

Istituto comprensivo Edmondo De Amicis, via Virgilio civico 54, Succivo. È lunedì scorso. Alle ore 16.15, orario di uscita, come di consueto, il padiglione «Piccolo patriota padovano» è affollato di genitori che prelevavano i discenti dell’infanzia dopo una giornata scolastica serena e tranquilla. Il clima gioioso dell’uscita da scuola, una scena bella a vedersi, che trasmette serenità, viene rotto dall’aggressione verbale di un genitore che, ad alta voce, apostrofava con ingiurie di ogni genere l’insegnante della figlia. La bambina di quattro anni, forse, piagnucolava perché la maestra le aveva fatto notare, mentre stavano facendo degli esercizi di scrittura, che doveva fare. Un consiglio di quelli dati senza nemmeno tanta enfasi, ma che, probabilmente ha fatto scattare il pianto nella bimba.

Il genitore visibilmente nervoso e alterato per aver trovato la piccola in lacrime è stato messo alla porta. L’uomo, però, non contento di quanto aveva fatto, una volta fuori, ha raccontato, chiedendole aiuto, quanto era avvenuto alla moglie. Quest’ultima è entrata nei locali della scuola e si è avventata sulla docente, aggredendola brutalmente sotto gli occhi di due mamme e di tutti gli alunni presenti in aula, senza proferire parola, senza chiedere spiegazioni, senza manifestare, insomma, alcuna disponibilità al dialogo e al confronto. 

Nel frattempo nell’atrio nessuno sentiva o si accorgeva di quanto stava accadendo anche quando la docente è scappata fuori dall’aula, inseguita dalla madre della bimba che ha continuato ad inveire a lungo contro la malcapitata insegnante. Sul posto giungeva, chiamati dai responsabili dell’istituto, un’ambulanza del servizio 118 i cui addetti prestavano le prime cure alla vittima che, secondo quanto raccontato dai testimoni, sarebbe stata aggredita in maniera brutale. La mamma dell’alunna, infatti, avrebbe afferrato con la mano la docente al collo e le avrebbe più volte battuto il capo contro la parete. 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 20 Febbraio 2018, 22:58 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 07:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-02-22 10:43:53
Va tolta la patria potestà ai genitori, anche solo temporaneamente, e applicato una sorta di DASPO o divieto di avvicinamento dei 2 genitori alla scuola.
2018-02-21 22:22:22
comportamenti barbari, esseri incivili indegni di allevare figli.
2018-02-21 20:08:27
GALERA!!!!!!!!!!!
2018-02-21 18:32:38
Fossi nella insegnante , mi rifuterei di tornare al lavoro con quella bimba in classe : troppo rischioso. Va trasferita ( la bimba , non la docente ) in altra scuola. Non solo : che siano altre persone ( non i genitori ) ad accompagnarla. Non vedo altre soluzioni , perchè è vero che il diritto all'istruzione dei bambini è sacro , ma lo è di più quello all'incolumità dell'insegnante. Quanto ai genitori , inutile perdere tempo: non sono recuperabili. Continueranno a fare danni , e se pure dovessero chiedere scusa , sarebbero scuse palesemente false...
2018-02-21 14:50:26
queste persone pardon, esseri bipedi implumi non sono degni d'essere genitori se è questo l'esmpio che danno ai figli, in questo modo li educano a diventare prepotenti e d infine anche criminali, ho una profonda pena per questi bambini figli di tali genitori.

QUICKMAP