Appalti Asl, condanna a Grillo
slitta il deposito delle motivazioni

Appalti Asl, condanna a Grillo
slitta il deposito delle motivazioni
di Biagio Salvati

Marcianise. Si dovrà attendere la fine della sessione feriale del tribunale di Santa Maria Capua Vetre per il deposito delle motivazioni riguardanti la sentenza del processo nato dall’inchiesta giudiziaria che inferse nel 2013 i primi colpi all’imprenditore di Marcianise del settore del pulizie Angelo Grillo patron del Cesap finita sotto amministrazione giudiziaria ed oramai non più operativa. Si tratta della sentenza emessa dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere lo scorso marzo. 
Le motivazioni fissate in 90 giorni, infatti, a causa della complessità del procedimento saranno depositate molto probabilmente entro la fine del prossimo settembre. Detenuto da circa quattro anni al 41bis nel carcere di Sassari, in Sardegna – isola sulla quale, ironia della sorte, l’imprenditore offriva spesso soggiorni da lui pagati ad amici o a personaggi della «cricca» - Grillo, è rimasto isolato ed abbandonato anche dai suoi familiari incappati a loro volta nelle maglie della giustizia (come i figli), costretto a cambiare più volte difensori, spesso destinatari di lunghe e numerose lettere dell’assistito. L’ultimo nominato, impegnato per alcuni dei vari processi cui è sottoposto l’ex imprenditore, è l’avvocato Michele Coronella.
Venerdì 11 Agosto 2017, 07:50 - Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 23:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP