Spara sette colpi di pistola
e ferisce il fratello per l'eredità

La pistola e il coltello usati durante la lite
di Serafina Morelli

  • 1
CIRO' MARINA (KR) - L’ennesima lite per un’eredità contesa. Al termine di una discussione riguardante la spartizione di alcuni beni immobili, Cataldo Brunetti ha estratto la pistola e ha esploso almeno sette colpi verso i familiari riuniti nell’abitazione oggetto della contesa a Cirò Marina. Il pensionato settantenne, incensurato, con due colpi ha ferito il fratello ad una gamba. I parenti hanno subito tentato di disarmare Brunetti, ma ad aiutare il padre c’era anche il figlio 32enne che si è avventato con un bastone contro l’uomo ferito a terra.

Cataldo non contento di quello che aveva fatto, una volta disarmato dai familiari, si è allontanato da casa per poi rientrare impugnando un coltello con una lama di ben tredici centimetri. I parenti sono riusciti nuovamente ad allontanare sia il 70enne che il figlio e a chiamare i carabinieri e il 118. Il fratello ferito è stato trasportato all’ospedale di Crotone, ma per fortuna i colpi non hanno attinto organi vitali. I dissidi andavano avanti ormai da tempo, già in passato i familiari avevano discusso in merito ai rapporti personali ed ereditari tra parenti. Ma questa volta dalle minacce, agli insulti si è passato ai fatti ed è saltata fuori una pistola. Cataldo Brunetti, braccato dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, dopo qualche ora ha deciso di costituirsi in caserma ed è stato arrestato per tentato omicidio, lesioni aggravate e detenzione e porto illegale di arma da fuoco. Il figlio, rintracciato successivamente, è stato denunciato per lesioni. 
Giovedì 20 Aprile 2017, 10:34 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2017 11:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP