«Ragazzi, questa è la 'ndrangheta»
il discorso toccante del colonnello

«È un tumore maligno la ‘ndrangheta e questi sono i risultati». Lo dice in chiesa, in terra di 'ndragheta, il colonnello Giancarlo Scafuri, stringendo tra le mani la fotografia racchiusa in una cornice del vice brigadiere Rosario Iozia, ucciso a Cittanova con due colpi di lupara. Era il dieci aprile del 1987 e oggi, a trent’anni dalla sua morte, i suoi assassini non hanno ancora un nome. E il discorso dell'ufficiale dell'Arma commuove tutti.

 
Giovedì 13 Aprile 2017, 17:21 - Ultimo aggiornamento: 14-04-2017 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP