Dalla strage di Duisburg a Locri
stanato il super latitante Vottari

Santo Vottari
di Serafina Morelli

1
  • 23
REGGIO CALABRIA - Si nascondeva ad appena venti chilometri da Locri, dal luogo dove ieri oltre 25mila persone hanno sfilato per ricordare le vittime delle mafie.  All’alba i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno arrestato Santo Vottari, alias “Frunzu”, all’interno di un bunker a Benestare, nel Reggino. È finita così la latitanza del boss 45enne, uomo di spicco del clan Pelle-Vottari. Era ricercato dal 2007 e inserito nell’elenco dell’Europol. Ma nonostante le ricerche si fossero estese in tutta Europa, lui non si era allontanato dai suoi parenti: è stato trovato infatti in un bunker realizzato all’interno di un palazzo in cui abita la famiglia Vottari e dove in passato i carabinieri avevano rinvenuto altri quattro rifugi. All’arrivo delle forze dell’ordine, intorno alle 4.30, l’uomo non ha opposto resistenza e si è lasciato ammanettare.

Santo Vottari si era reso irreperibile già dal dicembre del 2006: era ritenuto responsabile (poi assolto dall’accusa di omicidio) del delitto di Maria Strangio, moglie di Giovanni Nirta e sorella di Sebastiano Strangio, freddata a colpi di kalashnikov a San Luca il 25 dicembre 2006. Nella sparatoria rimasero ferite altre due persone e il figlio della donna, di soli 5 anni. Quell’omicidio venne considerato un fatto eclatante e la risposta allo “sgarro” non tardò ad arrivare: il 4 gennaio con l’uccisione di Bruno Pizzata si  decise di “colpire” la famiglia Vottari.
 

Per gli inquirenti Santo Vottari è ritenuto proprio uno dei partecipanti alla faida di san Luca. Una faida innescata da uno scherzo di carnevale nel febbraio del 1991, quando alcuni ragazzi delle famiglie Strangio e Nirta lanciarono delle uova all’interno di bar gestito dai Vottari. Da qui la vendetta a colpi d’arma da fuoco che provocherà decine di morti e culminerà poi con la strage di Duisburg del 15 agosto di dieci anni fa, quando nella notte, nei pressi del ristorante “Da Bruno”, un commando entra in azione uccidendo sei persone. La mattanza rappresentò il culmine della faida di San Luca tra le cosche dei Pelle-Vottari da un lato e dei Nirta-Strangio dall’altra. Sul conto di Santo Vottari pende l'esecuzione di una condanna per associazione di tipo mafioso, disposta con sentenza emessa il 19 marzo 2009 dal Tribunale di Reggio Calabria. Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, si è congratulato con il comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Tullio del Sette, per l'operazione, eseguita dai Reparti speciali dello Squadrone dei Cacciatori Carabinieri e dal Comando provinciale di Reggio Calabria: «Voglio ringraziare - ha sottolineato il ministro Minniti - l'Arma dei Carabinieri che, con l'alta professionalità e il sacrificio dei suoi uomini, dopo articolate attività investigative, è riuscita ad assicurare alla giustizia uno dei ricercati più pericolosi d'Italia». Anche il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, su Twitter sottolinea la «nuova, brillante operazione della nostra Arma».
Mercoledì 22 Marzo 2017, 09:29 - Ultimo aggiornamento: 22-03-2017 13:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-03-22 15:25:11
bà, secondo me ha fatto una telefonata per farsi arrestare, forse stufo di stare nel bunker, ma la cosa che fa ridere (anche se è seria) a questi super latitanti così chiamati, ma non sono dei super, proprio perchè non si muovono dai loro paesi, mentre le forze dell'ordine li vanno a cercare in tutto il mondo.

QUICKMAP