Bergamini, ecco la super-perizia: «Fu soffocato da più persone con una sciarpa»

Bergamini, la super-perizia:
0
  • 4
Denis Bergamini, il calciatore trovato senza vita nel 1989, sarebbe morto soffocato, forse utilizzando una sciarpa di lana, e per mano di più persone. È questo, secondo i quotidiani locali, ciò che emergerebbe dalle analisi prodotte in base alla nuova perizia eseguita dai consulenti del gip del Tribunale di Castrovillari sulla salma del giocatore del Cosenza.



A dare la notizia del deposito della perizia è stata la sorella di Bergamini, Donata con un post su Facebook in cui la donna sostiene anche che il fratello «è morto soffocato senza se e senza ma. Lo sapevo già - prosegue - attraverso i miei consulenti. Finalmente si riconosce la verità».

 


La salma del calciatore del Cosenza Calcio, morto a Roseto Capo Spulico e il cui decesso venne attribuito a un suicidio, è stata riesumata lo scorso luglio dopo la riapertura dell'inchiesta da parte del Procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla. Attualmente sono formalmente indagati l'ex fidanzata di Bergamini, Isabella Internò, e Raffaele Pisano, l'autista del camion che lo investì sulla statale ionica 106. 
Giovedì 16 Novembre 2017, 10:57 - Ultimo aggiornamento: 16-11-2017 14:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP