Marco Ciriello

Respirano i muri

di Marco Ciriello
È una storia di migrazioni attraverso le case e le cose, quella di Paolo Di Stefano e Massimo Siragusa in “Respirano i muri” (Contrasto), che, con parole e immagini, ci fa sentire le costruzioni come animate, degli organi che ci contengono, dei sistemi sentimentali che impazziscono e poi scompaiono, o che restano per sempre uguali come orme di dinosauri a futura testimonianza. Case come biografie, muri come mappe, stanze come album fotografici: dicendoci che scriviamo lo spazio che abitiamo, in uno scambio chimico che sarebbe molto piaciuto a Primo Levi. I contrasti – in delicatezza reciproca – tra le foto vuote di vita di Siragusa e i testi densi di biografie e fatti di Di Stefano: creano un libro che sembra un alveare. Descrizioni e confidenze, geometria e colori, ricordi e corrispondenze, si incastrano nelle pagine, raccontando la nostra resistenza alla tragicità che ci accompagna, tra introversioni e oniricità, tra le risacche migratorie e la breve felicità dei ritorni, a casa: ovviamente. 
Sabato 5 Maggio 2018, 21:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti


QUICKMAP