Velocità fatale nel Sannio,
buio sulla dinamica dello schianto

di Gianluca Brignola

Amorosi. Resta ricoverato presso l'ospedale Rummo di Benevento V.G., il 68enne originario di Faicchio ma residente da tempo nel Regno Unito, rimasto coinvolto nella giornata di domenica nel drammatico incidente sulla strada provinciale di collegamento tra Amorosi e San Salvatore Telesino che è costato la vita a Giovanni Napoletano 63enne originario di Grazzanise in provincia di Caserta.

Condizioni stabili ma che continuano a destare preoccupazione, e non potrebbe essere altrimenti in considerazione di una prima quanto approssimativa ricostruzione della dinamica di quanto è accaduto. Uno scontro assolutamente rocambolesco. È bastata una prima occhiata al luogo dell'impatto, per i soccorritori, caschi rossi e polizia stradale accorsi prontamente sul posto per estrarre i corpi dalle lamiere divelte e liberare dunque il fronte stradale, per capire quanto di lì a poco sarebbe andato a delinearsi.  A lanciare l'allarme alcuni passanti e i residenti della zona allertati dal forte boato che è risuonato in tutta la sua drammaticità. Una fatalità, non si esclude alcuna possibilità per il momento, con una dinamica ancora tutta da chiarire, in estrema sintesi, quanto è accaduto pochi minuti prima delle 13 di domenica quando la Fiat Punto di colore rosso con targa britannica guidata dal 63enne, con tutta probabilità in direzione San Salvatore Telesino, è carambolata lungo la provinciale a forte velocità, perdendo lungo  il tragitto addirittura il motore. Pare evidente che il conducente abbia perso il controllo del veicolo incrociando nella traiettoria il solco di un piccolo canale di scolo che ha catapultato l'auto contro un blocco di cemento.

Impressionanti le immagini della vettura, che ha terminato la sua corsa al lato della carreggiata nei pressi di un'abitazione, completamente distrutta sia dalla parte posteriore che da quella anteriore. Un impatto violentissimo, risultato purtroppo fatale. Per Giovanni Napoletano non c'è stato nulla da fare. Vano, infatti, è risultato l'intervento dei sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo. Ancora tutta da chiarire la dinamica dell'incidente, gli inquirenti sono ora al lavoro per provare a ricostruire quegli ultimi interminabili istanti nel tentativo, tutt'altro che semplice, di accertarne le responsabilità.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 31 Ottobre 2017, 12:24 - Ultimo aggiornamento: 31-10-2017 12:24

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP