La lunga attesa di Pietrelcina:
notte di preghiera aspettando il Papa

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 655
Papa Francesco arriva nei luoghi di uno dei santi più venerati, vera e propria icona della devozione popolare. Domani il Pontefice sarà in visita a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo per rendere omaggio a Padre Pio: in particolare, nella cittadina del Sannio in occasione del centenario dell'apparizione delle stimmate di San Pio, e in quella pugliese, meta di pellegrinaggi da tutto il mondo, nel 50esimo anniversario della morte del frate. Si potrebbe definire una «restituzione» di una visita, quella di domani a San Pio di Pietrelcina, dopo che il santo cappuccino era stato scelto dal Papa come uno dei patroni del Giubileo della Misericordia, insieme a San Leopoldo Mandic, con entrambi i corpi trasportati a Roma ed esposti nella basilica vaticana, tra un flusso ingente di pellegrini, come modello di religiosi dediti in modo esemplare al sacramento della confessione.

Padre Pio è stato un «servitore della misericordia», «lo è stato a tempo pieno, fino allo sfinimento», «è diventato un canale di misericordia» e «ha portato nel cuore tante persone e tante sofferenze», in particolare «ha vissuto il grande mistero del dolore offerto per amore»: lo disse Francesco il 6 febbraio 2016 in Piazza San Pietro ai gruppi di preghiera di Padre Pio, ai dipendenti della Casa Sollievo della Sofferenza e ai fedeli dell'arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, all'indomani dell'inizio dell'ostensione delle reliquie.

Domani sono attesi a Pietrelcina almeno ventimila fedeli e altri 30-40 mila a San Giovanni Rotondo, con in prima fila sempre i gruppi di preghiera e gruppi provenienti anche dall'estero. Il Papa, che decollerà alle 7.00 dall'eliporto vaticano, atterrerà alle 8.00 nel piazzale adiacente l'Aula liturgica di Piana Romana a Pietrelcina, accolto dal sindaco Domenico Masone e dall'arcivescovo di Benevento Felice Accrocca, sostando poi brevemente in preghiera nella Cappella di San Francesco davanti all'«olmo delle stimmate». Alle 8.15, sul piazzale antistante l'Aula liturgica, il Papa incontrerà i fedeli e terrà un discorso, salutando poi al termine la Comunità dei Cappuccini e una rappresentanza di pellegrini. Alle 9.00 il decollo da Piana Romana per San Giovanni Rotondo, dove il pontefice atterrerà alle 9.30 nel campo sportivo «Antonio Massa», accolto dal sindaco Costanza Cascavilla e dall'arcivescovo di Manfredonia Michele Castoro. Alle 10.00 il Pontefice si trasferirà in auto all'ospedale «Casa sollievo della Sofferenza», salutando e benedicendo gli ammalati, per visitare in particolare il reparto di Oncoematologia pediatrica, insieme al direttore generale Domenico Crupi. Al terzo piano l'incontro con i bambini degenti nel reparto. Alle 10.45 il Papa raggiungerà il santuario di Santa Maria delle Grazie, accolto dal ministro provinciale dei Cappuccini padre Maurizio Piacentino, dal padre guardiano Carlo Laborde e dal rettore padre Francesco Dileo: nel santuario saluta la comunità dei Cappuccini e venera il corpo di San Pio e il «Crocifisso delle stimmate». Alle 11.15, sul sagrato della chiesa di San Pio da Pietrelcina, la concelebrazione della messa, la cui omelia sarà il secondo discorso del Papa nella giornata. Al termine, alle 13.00 il decollo in elicottero dal campo sportivo, con arrivo in Vaticano alle 14.00
Venerdì 16 Marzo 2018, 17:08 - Ultimo aggiornamento: 17-03-2018 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP