Sistema Udeur e pressing per le nomine: assolti Mastella e gli altri imputati

di Leandro Del Gaudio

2
  • 190
Dunque: nove anni e mezzo dopo l'inchiesta che spinse l'ex ministro Clemente Mastella alle dimissioni e l'ex governo Prodi al capolinea, è arrivata la sentenza di primo grado.

Tutti assolti a cominciare da Mastella, attuale sindaco di Benevento, che rispondeva di aver esercitato pressioni per ottenere una nomina del manager Asi di Benevento. Chiaro il ragionamento della quarta penale, presidente Acierno: che non ha condiviso l'accusa di concussione a carico di Mastella, neanche nell'ultima elaborazione di concussione impropria letta in aula dal pm durante la requisitoria, e ha derubricato il tutto in una ipotesi di abuso d'ufficio. Anche in questo caso - scrivono i giudici - non si è raggiunta la prova, di qui l'assoluzione piena per Mastella (difeso dai penalisti Fabio Carbonelli e Alfonso Furgiule).

Ma veniamo agli altri imputati. Assolto anche Carlo Camilleri (difeso dai penalisti Carmen Esposito e Angelo Leone), ormai ex consuocero di Mastella; l'ex assessore all'ambiente Luigi Nocera (difeso dall'avvocato Arturo Cola), l'ex assessore all'avvocatura Andrea Abbamonte. 

Cadono le accuse anche per altre ipotesi di reato: per la tentata concussione ai danni del manager della sanità casertana Luigi Annunziata, sono stati assolti Felice Casucci (difeso dai penalisti Alessia Duraccio, Andrea De Longis, Lucio Majorano); Sandra Lonardo Mastella, Nicola Ferraro e Fernando Errico.

Altra assoluzione per Mastella, in relazione alla presunta concussione ai danni di Antonio Barbieri, con la formula perché il fatto non sussiste.
Martedì 12 Settembre 2017, 18:45 - Ultimo aggiornamento: 13-09-2017 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-09-13 13:33:22
mettiamola così: io sono un "manager" (asl o trasporti, qui non importa). arriva il politico tizio e mi fa "al posto tot devi nominare caio, punto e basta". e io dico e penso "sì è giusto, così vanno le cose così va fatto. in fondo anche io sono qui per lo stesso identico motivo". mica mi sento concusso, corrotto, costretto, coartato. nè tantomeno posso vederci un "reato". e un po', per continuare la metafora, come nello sport: se faccio boxe, mica posso denunciare il mio avversario per lesioni private solo perchè ho perso; se corro in formula 1, mica denuncio il mio avversario per eccesso di velocità; oppure, se tizio ha gusti sado e caio li ha maso, mica caio denuncia tizio per violenza privata. anzi, lo ringrazia. ecco, questa mi pare la metafora più azzeccata ......
2017-09-12 21:05:34
----- sento puzza di " naftalina"...

QUICKMAP