Della Valle: «Illuminerò l’obelisco egizio»

Benevento - Non c’è un ordine del giorno, né un’agenda, per la giornata beneventana di Diego Della Valle. Di fatto l’argomento è uno: Clemente e Sandra Mastella. Sarebbe stato loro ospite mesi fa, poi un contrattempo e viaggio rinviato. Stavolta arriva e l’incontro avviene innanzitutto nella casa istituzionale del sindaco pro tempore anche se la visita dell’imprenditore resta confinata nella sfera privata, quella della sincera e antica amicizia. Se non fosse stato primo cittadino di Benevento, Mastella, non senza sacrificio provvisorio della sua «espansività comunicativa», l’incontro con Della Valle lo avrebbe tenuto nascosto. Lo storico ticket tra il politico e l’imprenditore però arriva in un contesto molto particolare, in cui si incrociano questioni rilevanti e soluzioni apparentemente inconciliabili con le limitate opportunità istituzionali. Un top imprenditore, almeno nell’immaginario collettivo, appare dunque un «ospite» più appetibile finanche di un capo del governo o un ministro (le loro parole e le loro promesse sembrano messaggi in fotocopia che arrivano da un passato deludente), e al momento capace di rappresentare una maggiore consistenza simbolica. «Aiutare la vostra economia? Lo si dimostra con i fatti non con gli annunci. E oggi non posso portarvi cose concrete, ma certamente se dovessimo decidere di fare qualcosa al Sud, Benevento sarà al primo posto dei nostri pensieri».
 
Martedì 2 Maggio 2017, 22:24 - Ultimo aggiornamento: 03-05-2017 08:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP