Pedofilo ucciso davanti alla madre:
già interrogati trenta sospettati

di Enrico Marra

FRASSO TELESINO - Finora i carabinieri hanno ascoltato una trentina di persone, ma sul movente che ha spinto due killer a uccidere Giuseppe Matarazzo, il pastore di 45 anni di Frasso Telesino scarcerato da un mese, dopo un condanna per violenza su una minore, non c'è alcuna certezza ma solo ipotesi. Gli interrogatori si sono svolti anche in luoghi diversi, presso la stazione di Frasso Telesino, presso la Compagnia di Cerreto Sannita e il comando provinciale di Benevento. Una decisione finalizzata anche a porre i testi nella condizione di non essere identificati nei luoghi di residenza e quindi di poter rendere dichiarazioni in modo spontaneo. E per meglio ricostruire il passato di questa vicenda si è anche fatto ricorso, a livello investigativo, all'apporto di carabinieri, che ora ricoprono altri incarichi, ma che nel 2009 avevano indagato sulla vicenda portando poi all'arresto di Giuseppe Matarazzo. Sono sfilati davanti ai militari i componenti la famiglia Matarazzo il padre Giuseppe, la sorella Teresa la madre Evelina. Quest'ultima ha assistito all'uccisione del figlio e ha potuto fornire una vaga descrizione di quell'auto da cui sono parti i colpi di pistola che hanno raggiunto Giuseppe al torace. Aveva detto che si trattava di un'auto nera e lunga. Gli inquirenti le hanno mostrato le foto di alcuni veicoli e alla fine la donna ha ipotizzato che potesse essere una Bmw. Nulla di certo in ogni caso, ma in un autentico giallo con poche certezze anche il più piccolo elemento finisce con l'essere un punto di partenza di una pista che potrebbe rivelarsi produttiva.

Ascoltati chiaramente i componenti della famiglia Iorillo, genitori e figli. La famiglia della piccola Michela, la 14enne che si tolse la vita dopo una relazione con Giuseppe Matarazzo che poi venne condannato a undici anni e sei mesi per violenza. Anche ieri nuovi interrogatori da parte dei carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita e del Nucleo investigativo provinciale coordinati dal procuratore della Repubblica Aldo Policastro e dal sostituto procuratore Francesco Sansobrino.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 22 Luglio 2018, 12:28 - Ultimo aggiornamento: 22-07-2018 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP