Estorce duemila euro all'ex datore di lavoro, poi proiettili e bomba: arrestato

Aveva estorto in più riprese una somma di denaro di circa duemila euro a un suo ex datore di lavoro. Ieri pomeriggio è scattato l'arresto, con il beneficio dei domiciliari, per Guido Sparandeo, 43 anni, di Benevento, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine. L'accusa è di estorsione. L'ordinanza è stata emessa dal gip Gelsomina Palmieri, dopo indagini della Procura della Repubblica, diretta da Aldo Policastro e coordinate dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo e dal sostituto procuratore della Repubblica Assunta Tillo e condotte dalla polizia.
Secondo l'accusa vittima delle richieste estorsive, cominciate nel 2016, è un imprenditore che opera nel settore della vendita di materiale per uffici, presso cui aveva lavorato. Secondo l'accusa, una prima volta si era fatto consegnare la somma di 400 euro. Per ottenere la quale non aveva esitato a estrarre una pistola puntandola alla tempia dell'uomo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 12 Luglio 2018, 09:36 - Ultimo aggiornamento: 12-07-2018 09:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP