De Girolamo: «Ingannato anche Berlusconi, ho i documenti del cambio»

di Pietro Treccagnoli

Nunzia De Girolamo s'è ritrovata seconda nel collegio proporzionale della Camera, il «suo» collegio, quello di Avellino e Benevento e ha gridato al complotto. All'ultimo minuto, poco prima che suonasse il campanello, è stata scavalcata da Cosimo Sibilia. Apriti cielo. Per compensazione è stata collocata come capolista in Emilia Romagna. Ma lei non si è arresa. È andata in tv e ha sparato ad alzo zero contro i vertici campani del suo partito, di Forza Italia.

Onorevole De Girolamo, ha scatenato un putiferio. Se n'è resa conto?
«Sì. Nemmeno quando ero ministro ho ricevuto tante telefonate, una dietro l'altra».

Chi la sta chiamando?
«Tutti gli scontenti d'Italia. Ma non solo. Sto ricevendo i complimenti di persone che nessuno riuscirebbe a immaginare».

Dal suo partito?
«Dalla società civile a tutte le persone che credono ancora in una politica diversa fatta in un partito normale e moderato come Forza Italia».

Per esempio?
«No, non posso dirlo».

In tv lei ha chiesto le dimissioni del coordinatore regionale di Forza Italia, Domenico De Siano, che considera l'artefice del declassamento.
«Sì. Le liste sono state affidate nelle sue mani. Lui è stato al tavolo con Silvio Berlusconi e il presidente aveva detto una parola chiara sul mio conto. Siccome per me Forza Italia è solo Berlusconi credo che De Siano non abbia avuto rispetto del presidente».

Intanto, è stato diffuso un comunicato di Forza Italia nel quale si sostiene che le liste sono state approvate a un tavolo nazionale, all'unanimità.
«Ma io ribadisco tutto quello che ho detto in tv, portando dei documenti. E ribadisco che per me Forza Italia, come indicazione generica, non esiste. Io parlo con Berlusconi, mi fido di Berlusconi e sono sicura che lui al momento opportuno farà quello che è giusto».

Ha parlato con Berlusconi dopo quello che lei ha detto in tv?
«No. Se lui avesse qualcosa da rimproverarmi mi chiamerebbe. Berlusconi che è l'uomo più intelligente che esista, sa bene la verità e conosce le persone e le distingue».

Ma per ora non ha fatto nessuna dichiarazione che appoggi quello che lei sta sostenendo.
«Ma neanche mi ha attaccato».

Ha parlato il partito, Forza Italia.
«Ma Forza Italia chi? Ripeto, per me conta la parola di Silvio Berlusconi».

Non è la stessa cosa?
«Non è la stessa cosa, no. Una cosa sono le sue parole, un'altra i comunicati anonimi. Detto questo, chiudo la polemica».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 31 Gennaio 2018, 09:20 - Ultimo aggiornamento: 31-01-2018 13:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-01-31 17:56:16
Ma la sig.ra De Gurolamo non è stata ministro con Renzi?
2018-01-31 14:44:17
Sarebbe bello pubblicare le liste di tutti i politici inquisiti, condannati, sospettati per vari reati, suddivisi per ciascuna lista elettorale, a partire da 10 anni fà. Questo darebbe il peso specifico sul livello di qualità dei futuri candidati e sulle capacità di filtro dei vertici di partito, molto bravi a scegliere quelli che portano più voti ma molto meno alla valutazione di integrità morale, questa è un optional non obbligatorio .
2018-01-31 10:22:21
Chi ha tradito non dovrebbe protestare.
2018-01-31 09:34:08
L'unica cosa giusta della De Girolamo è che ha ragione su De Siano: un personaggio inadeguato, che sta distruggendo Forza Italia in Campania e a Napoli.
2018-01-31 13:39:49
Per questo è da considerare un benemerito. Chi conosce l'On. De Girolamo le dica di non confondere l'intelligenza con la furbizia!

QUICKMAP