Benevento, giudice di Pace:
udienze sospese per protesta

BENEVENTO - Sciopero dei giudici di pace e della magistratura onoraria per un mese dal 15 maggio fino all’undici giugno. Nel Sannio in queste ore ci si organizza sul piano sindacale, per definire nel dettaglio le modalità della protesta. In ogni caso si tratta di un’astensione dalle udienze destinata a creare ulteriori problemi in un apparato giudiziario già destinatario di altre proteste come quelle recenti dei penalisti. 
Come sarà gestito questo sciopero nel Sannio? «Le prescrizioni riguardanti l’attuazione degli scioperi per i giudici onorari sono diverse da quelli dei giudici di pace - premette Pino Finamore, presidente nazionale di magistratura onoraria, che svolge la sua attività nel Sannio presso la Procura della Repubblica di Benevento come vice procuratore onorario - in ogni caso daremo un’adesione alla protesta indetta. Valuteremo se vi sarà un apporto con la sottoscrizione di documenti o altre forme di lotta. Siamo rimasti profondamente delusi dall’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del decreto legislativo di riordino dell’intera magistratura onoraria. Si tratta di norme che non recepiscono le prescrizioni che erano venute anche dall’Europa e che non tengono conto neppure dell’appello che era stato rivolto da 110 magistrati che operano presso le varie Procure».
Presso le strutture giudiziarie sannite prestano servizio una decina di giudici onorari, dodici vice procuratori e una decina di giudici di pace. «Il decreto legislativo ha conferito nuove competenze e ci ha fortemente penalizzato sul piano economico - dice Vincenzo Casto presidente distrettuale dell’associazione dei giudici di pace - pertanto ritengo che lo sciopero sarà confermato». 
Domenica 7 Maggio 2017, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 6 Maggio, 22:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP