Seggiovie chiuse: polemica Giannoni-sindaco

Stagione invernale alle porte ma gli impianti sciistici del Laceno resteranno desolatamente chiusi. Marzio Giannoni, una vita nella gestione della struttura, rimette al centro del dibattito le contraddizioni di una scelta, quella del Comune di Bagnoli, di puntare ai finanziamenti del Progetto pilota, senza calcolare i tempi.
«Dobbiamo prendere coscienza - afferma che si è scambiata una opportunità inserita in un contesto ampio, come quello del Progetto pilota, con il libro dei sogni dal quale il sindaco Nigro attinge le sue intuizioni. Anche se il Progetto pilota contemplasse la costruzione di nuovi impianti di risalita, perché i lavori possano iniziare occorre che il finanziamento sia effettivamente disponibile, e non lo è. A conti fatti, i lavori non potranno avere inizio prima di due o tre anni». Altra incongruenza rilevata da Giannoni, quella relativa al fermo delle seggiovie: «Il sindaco si accorge che la parte del Progetto pilota finanziato non contempla il rifacimento delle seggiovie. Allora, senza alcun fondamento giuridico afferma che senza la disponibilità delle aree non è possibile accedere ai finanziamenti. La tesi sembra diretta esclusivamente ad impedire che gli attuali impianti siano rimessi in grado di funzionare».
Sul Mattino in edicola
Martedì 7 Novembre 2017, 13:29 - Ultimo aggiornamento: 07-11-2017 13:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP