Dietrofront dei giudici del Riesame:
scarcerata la finta sorella di Cantone

di Alessandra Montalbetti

Torna in libertà Maria Virginia Cantone. Ieri la III sezione del tribunale del Riesame di Bari ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Foggia nei confronti della professionista di Cervinara, avvocato, accusata di truffa aggravata. Ieri mattina i legali della 53enne, Dimitri Monetti e Nico Colangelo, hanno discusso il ricorso, accolto dai giudici del tribunale della Libertà, che nella tarda serata hanno scarcerato la donna arrestata lo scorso 14 marzo, subito dopo aver ricevuto una busta con del denaro contante da due delle sue cinque vittime. Per la professionista Maria Virginia Cantone, scattarono le manette con l’accusa di truffa aggravata continuata, dopo la trappola tesa dai suoi stessi clienti, insospettiti per i mancati risarcimenti relativi a procedimenti seguiti dalla professionista irpina. La professionista in un'altra circostanza avrebbe anche millantato una inesistente parentela con Raffaele Cantone, presidente dell'Anac, che nelle scorse settimane aveva presentato un esposto.
Venerdì 6 Aprile 2018, 02:29 - Ultimo aggiornamento: 06-04-2018 06:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP