A processo per estorsione:
assolto il generale Suppa

di Angela Nicoletti

È sasto assolto con formula piena il generale della Guardia di Finanza, l'avellinese Vincenzo Suppa, indagato, in qualità di direttore generale dell'Asl di Frosinone nell'anno 2011 unitamente ad altre sei persone, per il reato di estorsione.

La vicenda nasce da un'indagine portata avanti dalla Polizia Stradale che aveva raccolto una serie di denunce avanzate da cittadini che, parcheggiando in maniera irregolare all'interno della cittadella della salute a Frosinone, si erano ritrovate con le vetture bloccate dalla ganasce. Per poter liberare i mezzi, quindi, erano costretti a interpellare la ditta che aveva l'appalto per la rimozione delle macchine in divieto di sosta.

La Procura di Frosinone aveva chiesto, a conclusione delle indagini, il rinvio a giudizio per l'allora direttore generale dell'Asl, il generale delle Fiamme Gialle, Vincenzo Suppa difeso dall'avvocato Sandro Salera e da Caterina Suppa, per l'ingegnere Mauro Palmieri, i funzionari Alfoso Catracchia ed Aldo Scaccia, per Angelo Peruzza e per il titolare ed i dipendenti della ditta Sodani che si occupava appunto del recupero delle vetture. Il gup aveva quindi stabilito che tutti fossero processati per il reato di estorsione.

Il collegio penale del tribunale di Frosinone accogliendo la tesi difensiva degli avvocati ha invece stabilito che gli imputati non avessero commesso alcun reato e per questo ha disposto per tutti e sette l'assoluzione con formula piena.
 
Lunedì 15 Maggio 2017, 20:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP